L’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica si riunisce a congresso

ph Larm Rmah on Unsplash

 

di Gabriele Giovanni Vernengo

Un’intera giornata dedicata a dibattiti e incontri con esperti, pazienti e medici. La tematica della discussione? “La prevenzione: realtà o mito nella sindrome fibromialgica?”. Un titolo provocatorio  quello del XVII Congresso Nazionale di AISF ONLUS (Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica) che si terrà a Milano domenica 7 aprile dalle ore 9 alle 16:30 presso l’Hotel Michelangelo, in Piazza Luigi di Savoia 6.

La sindrome fibromialgica è una forma comune di dolore muscolo scheletrico diffuso e di affaticamento che colpisce circa 2 milioni di italiani.  Le più colpite sono le donne.
Al congresso è prevista la partecipazione della senatrice Paola Boldrini e della parlamentare Caterina Licatini.
Nel pomeriggio verranno presentati progetti di ricerca e di servizi rivolti ai pazienti, i quali, nell’occasione potranno incontrare e porre domande ad alcuni esperti del settore.
Per partecipare ai lavori del congresso è necessario versare una quota di partecipazione.
“Si tratta – sottolinea il direttivo di AISF – di un’ottima occasione per conoscere da vicino le attività dell’associazione e un momento significativo per informarsi sulla patologia e per migliorare la gestione della stessa”.
 AISF ONLUS è un’associazione nazionale “di malattia” senza finalità di lucro che coinvolge pazienti, medici, familiari, professionisti e volontari a vario titolo, con esclusive finalità di solidarietà sociale. L’obiettivo? Rispondere ai bisogni assistenziali del paziente fibromialgico grazie alla realizzazione di progetti specifici.
L’associazione è strutturata in sezioni regionali che permettono l’organizzazione di attività locali di informazione, divulgazione e conoscenza sulla tematica della Sindrome Fibromialgica.
Per info e iscrizioni contattare la Segreteria organizzativa attraverso il sito internet www.sindromefibromialgica.it oppure scrivendo una mail segreteria@sindromefibromialgica.it o telefonando allo 02 39043451 oppure 342 5836144.

Lascia un commento