La Dc chiede una burocrazia nuova

Il Palazzo della Regione Siciliana a Catania

Ora che la squadra è pronta, occorrerà mettere mano anche all’apparato amministrativo che, un tempo, supportava in modo qualificante l’attività di governo.

Lo ha ricordato giorni fa la Democrazia Cristiana Nuova, la formazione politica fondata dall’ex presidente della Regione Salvatore Cuffaro, chiedendo informalmente la revisione delle posizioni dirigenziali

Il presidente della Regione, Renato Schifani, si appresta a nominare la sua nuova squadra di governo. Siamo certi che sceglierà il meglio anche per l’ambìto assessorato alla Sanità, e come Dc sosterremo ogni sua decisione.

Definito questo assetto occorrerà, però, rivedere anche le nomine dei dirigenti generali dei vari assessorati i quali dovranno lavorare in stretta sinergia con gli assessori e non, come spesso avvenuto in passato, su due binari paralleli”. Così ha dichiarato Carmelo Pace, capogruppo della Dc all’Assemblea Regionale Siciliana.

Se vogliamo far funzionare in maniera efficiente la macchina regionale occorre che l’Amministrazione si doti di un apparato burocratico snello e agevole dove ogni singolo elemento, dal dirigente al funzionario, svolga il proprio compito in sinergia con l’assessore di riferimento, in maniera tale da creare una vera squadra di lavoro che possa dare risposte immediate e univoche ai cittadini e lavorare di comune accordo, secondo le proprie competenze e ruoli, per il bene della Sicilia e dei siciliani”, ha concluso Pace. (Redazione)

vedi

Rai Sicilia oscura Galvagno