Kissinger: dialogo e coesistenza

Henry Kissinger

Non dobbiamo legare l’azione diplomatica alla personalità di chi ci sta di fronte. Sta a noi concepire un dialogo che preservi la nostra sicurezza ma ci riporti allo spirito della coesistenza. Il rovesciamento del leader avversario non deve apparire come una precondizione“. Lo afferma Henry Kissinger, interpellato dal Corriere della Sera.

Non fu saggio – prosegue il grande diplomatico – cercare di includere l’Ucraina nella Nato. Questa non è una scusa per l’aggressione di Putin. Ma il problema ora è se sia possibile una pace con lui. E questa va affrontata in un quadro più ampio: il futuro di lungo termine nelle relazioni fra la Russia e l’Europa, fra la Russia e l’Occidente“. (Redazione)

vedi

Golden Age con Draghi per NY Times