Italia: più francesi che italiani

ph Vytenis Malisauskas on Unsplash

La principale piattaforma per le prenotazioni online di ristoranti TheFork ha analizzato i dati (Dati interni di TheFork, tipo di prenotazione/preferenze di prenotazione dal primo luglio al 31 agosto 2023. Ambito geografico: Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito) dei mesi più caldi del 2023 per rivelare le tendenze del settore della ristorazione protagoniste dell’estate appena trascorsa.

Turismo internazionale: 20 per cento delle prenotazioni dei ristoranti in Europa. La percentuale di clienti internazionali (Prenotazioni effettuate da utenti che risiedono in un paese diverso da quello del ristorante) nei Paesi Europei in cui è attiva, TheFork è rimasta stabile rispetto allo scorso anno, rappresentando circa il 20 per cento di tutte le prenotazioni estive.

Tra i mercati europei con quote di prenotazioni internazionali degne di nota, il Portogallo è in testa con il 44 per cento, seguito dalla Spagna con il 18 per cento e dall’Italia con il 17 per cento (Fonte: SimilarWeb, utenti unici deduplicati mensilmente, marzo 2023).

In Europa le destinazioni turistiche più ambite, che comprendono sia visitatori nazionali che internazionali, sono state Lisbona con il 5,5 per cento di tutte le prenotazioni turistiche, Parigi con il 4,5 per cento e Barcellona con il 3,3 per cento (Fonte: SimilarWeb, utenti unici deduplicati mensilmente, marzo 2023).

Tra i fenomeni turistici più interessanti del Belpaese c’è quello che riguarda Napoli, città dove si registra una crescita costante

I turisti francesi hanno rappresentato la quota più alta di prenotazioni internazionali (15 per cento), seguiti da quelli inglesi (14 per cento) e dagli italiani (12 per cento Fonte: SimilarWeb, utenti unici deduplicati mensilmente, marzo 2023).

Italia: città d’arte le mete preferite dai turisti stranieri. Se guardiamo più specificamente alla fotografia dell’Italia, vediamo che c’è stato un piccolo balzo in avanti dall’estate scorsa con il bimestre luglio e agosto che ha segnato il + 3 per cento rispetto al 2022. I clienti internazionali che prenotano maggiormente nel Belpaese sono i Francesi (18 per cento), seguiti da Inglesi (15 per cento), Spagnoli (10 per cento), Tedeschi (9 per cento) e Svizzeri (8 per cento).

Le mete preferite? Vincono le città d’arte, con Roma e Firenze capofila, seguite da Milano, Venezia, Napoli, Palermo, Torino, Catania e Verona. Le località turistiche più quotate sono invece Sorrento e Taormina. Più in generale, se si considera anche il turismo nazionale, i fenomeni più interessanti riguardano Napoli, che segna una crescita costante, Matera e Rimini nonostante le alluvioni di maggio. Molto bene anche Brescia grazie al titolo di Capitale della Cultura.

Preferenze culinarie dell’estate. L’estate 2023 ha visto una maggiore preferenza per i piatti più leggeri, con le insalate che hanno rappresentato il 15 per cento delle ordinazioni, seguite dalle pizze al 10 per cento e dai piatti di pesce al 7 per cento. Inoltre, le prenotazioni online durante i mesi estivi hanno mostrato una distribuzione più equilibrata durante la settimana, con il 50 per cento delle uscite al ristorante dal venerdì alla domenica, rispetto al 58 per cento nel resto dell’anno.

Vale la pena notare che la spontaneità gioca ancora un ruolo significativo nelle scelte gastronomiche, dato che quasi il 30 per cento dei clienti ha prenotato entro due ore dall’orario previsto per la cena (Fonte: SimilarWeb, utenti unici deduplicati mensilmente, marzo 2023). Per quanto riguarda i prezzi, il 26 per cento degli utenti ha scelto ristoranti con un conto medio compreso tra 30 e 40 euro. In Italia la top 3 dei tipi di cucina preferiti in estate da turisti e non sono stati mediterranea (18 per cento), italiana (15 per cento) e pizzeria (13 per cento).

Secondo i dati analizzati da TheFork i turisti francesi hanno rappresentato la quota più alta di prenotazioni internazionali (15 per cento), seguiti da quelli inglesi (14 per cento) e dagli italiani

Nuove aperture e tendenze. In attesa dei dati del terzo trimestre dell’anno, l’estate sembra essere partita con il piede giusto secondo l’Osservatorio TheFork Awards sulle nuove aperture che da aprile a giugno ha segnato il dato di aperture di nuovi ristoranti con somministrazione più alto degli ultimi 3 anni. Gli utenti rimangono la forza trainante del settore, mostrandosi sempre più aperti a nuovi trend, tra cui la digitalizzazione e la valorizzazione del territorio e della sostenibilità.

Tutti elementi che ritroviamo nelle nuove aperture dell’anno lanciate a fine estate dai TheFork Awards , iniziativa volta a identificare e valorizzare le migliori nuove aperture o nuove gestioni del 2022-2023 con il contributo autorevole di 54 Top Chef protagonisti della ristorazione italiana.

Sul sito è possibile scoprire la lista dei 43 ristoranti e da oggi fino al 10 ottobre incluso gli utenti di TheFork sono chiamati a votare la loro insegna preferita; il ristorante che si aggiudicherà il maggior numero di preferenze otterrà l’esclusivo People’s Choice Award.

Inoltre, votando si partecipa al concorso dedicato all’iniziativa e si potranno vincere due posti all’esclusiva cena di gala o una delle 50 Gift Card TheFork da 50 euro in palio. Proprio la serata di gala costituisce la fase conclusiva dell’iniziativa: l’evento di premiazione vero e proprio che quest’anno avrà luogo il 24 ottobre presso il Palazzo Mezzanotte a Milano. (Redazione)

vedi

TheFork, si ad Aquanova Hosteria