ITALIA | Daniele Franco nuovo direttore generale di Bankitalia

Daniele Franco (immagine YouTube)

E’ Daniele Franco il nuovo direttore generale della Banca d’Italia. Lo ha nominato il Consiglio Superiore dell’Istituto guidato da Ignazio Visco. Nel direttorio, come vice direttore generale, è stato nominato Piero Cipollone.

Nato a Trichiana (Belluno) il 7 giugno 1953, membro del Direttorio e Vice Direttore Generale della Banca d’Italia dal 20 maggio 2019. In tale veste, è anche membro del Direttorio integrato dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS).

Nel 1977 si è laureato in Scienze Politiche presso l’Università di Padova e l’anno successivo ha fatto un master in organizzazione aziendale presso il Consorzio Universitario di Organizzazione Aziendale di Padova. Nel 1979 ha conseguito il Master of Science in economia presso l’Università di York in Gran Bretagna.

Assunto in Banca d’Italia nel 1979, è stato assegnato al Servizio Studi dove è rimasto fino al 1994.

Dal 1994 al 1997 Consigliere Economico presso la Direzione Generale degli Affari Economici e Finanziari della Commissione Europea. Rientrato in Banca, dal 1997 al 2007 è  stato direttore della Direzione Finanza Pubblica del Servizio Studi.

Dal 1999 al 2007 ha presieduto il Gruppo di lavoro di finanza pubblica del Sistema Europeo di Banche Centrali.

Dal 2007 al 2011 è stato Capo del Servizio Studi di struttura economica e finanziaria e – dal 2011 al 2013 – Direttore centrale dell’Area Ricerca economica e relazioni internazionali. In tale veste rappresenta la Banca in comitati e gruppi di lavoro presso organismi internazionali ed è membro di gruppi di lavoro presso il Ministero delle Finanze, il Ministero del Tesoro, la Presidenza del Consiglio e l’ISTAT.

Dal 20 maggio 2013 al 19 maggio 2019 è stato Ragioniere generale dello Stato, in quella vesta è stato destinatario di attacchi da parte del Movimento Cinque Stelle –   vedi Guerra sulle poltrone romane.

In ambito accademico ha tenuto corsi presso le Università di Bergamo e Trieste, l’Università Cattolica di Milano e la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione. Dal 2000 al 2003 è membro del Consiglio direttivo della Società Italiana di Economia Pubblica.

Ha pubblicato libri in materia di spesa pubblica, sistemi di protezione sociale e regole fiscali europee; ha scritto saggi in materia di politica di bilancio, federalismo fiscale, contabilità generazionale, tassazione delle attività finanziarie e distribuzione dei redditi. (Redazione)

 

 

Lascia un commento