Istat segnala calo del Pil, vanno male agricoltura e industria

M.B.M. on Unsplash

Nel secondo trimestre del 2019 si stima che il prodotto interno lordo, espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, sia rimasto stazionario sia rispetto al trimestre precedente, sia nei confronti del secondo trimestre del 2018. Ha comunicarlo è l’Istat. La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto sia nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, sia in quello dell’industria e di un aumento in quello dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo nullo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta.

La variazione acquisita per il 2019 risulta nulla. Nel secondo trimestre del 2019 è continuata, dunque, la fase di sostanziale stagnazione dell’economia italiana che prosegue ormai dal secondo trimestre dello scorso anno. Dopo il lievissimo calo registrato nella seconda metà del 2018 e l’altrettanto marginale recupero del primo trimestre, il Pil ha segnato nel secondo 2019 una variazione congiunturale nulla. La stima preliminare ha, necessariamente, natura provvisoria e si basa su una valutazione dal lato dell’offerta che indica cali dell’attività per l’agricoltura e per l’industria e un contenuto incremento per l’insieme del terziario. Le stime preliminari del Pil riguardano, per definizione, unicamente l’intero territorio nazionale e sono presentate senza alcun dettaglio settoriale.

(Redazione)

 

vedi pure Censimento al rush finale

 

 

Lascia un commento