Intesa Crédit Agricole e Cib – Consorzio Italiano Biogas

Unsplash+

Crédit Agricole Italia e Cib – Consorzio Italiano Biogas, punto di riferimento nazionale per la produzione di biogas e biometano agricolo, hanno sottoscritto un accordo di collaborazione che fornisce alle imprese agricole nuove opportunità di accesso agli
investimenti per lo sviluppo del biogas e biometano, sfruttando le opportunità previste per il settore dall’avvio dei bandi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr).

Con l’obiettivo di accompagnare le imprese clienti nell’utilizzo delle fonti di energia
rinnovabili, Crédit Agricole Italia metterà a disposizione delle aziende agricole socie del Cib la propria gamma di prodotti e servizi di finanziamento, favorendone la crescita e i percorsi di sostenibilità verso la produzione di energia rinnovabile.

Nell’ambito dell’accordo, il Cib collaborerà con la Banca mettendo a disposizione la propria competenza per lo studio e la valutazione tecnica dei progetti e degli investimenti sul biometano.

L’accordo siglato con Crédit Agricole Italia è uno strumento strategico importante a supporto della competitività del sistema imprenditoriale agricolo e che permetterà un nuovo slancio agli investimenti per le nostre aziende agricole e nuove opportunità di crescita“, ha dichiarato Piero Gattoni, Presidente del Cib.

In attesa delle modifiche tecniche necessarie per sveltire l’accesso ai prossimi bandi biometano, la collaborazione con la rete di credito consentirà di accelerare e ottimizzare le procedure di investimento, sostenendo l’impegno della filiera per raggiungere gli obiettivi del Pnrr e quelli posti dalla transizione ecologica“, conclude Gattoni.

Il progetto biometano del Pnrr mette a disposizione delle aziende agricole 1.92 miliardi di euro per finanziare la conversione degli impianti da biogas esistenti, rendendoli utili alla produzione di biometano, e per la realizzazione di nuovi impianti a misura di economia circolare per la diffusione di pratiche agroecologiche.

L’obiettivo è portare entro il 2026 la produzione ad oltre 4 miliardi di metri cubi di biometano, pari a circa il 30 per cento del totale forniture di gas naturale che viene importato dalla Russia.

La sinergia tra Cib e Crédit Agricole Italia costituisce un’iniziativa unica, che, oltre a garantire una maggiore sostenibilità dell’intera filiera, favorisce concretamente la transizione energetica, un passaggio indispensabile per centrare gli ambiziosi obiettivi europei di riduzione della dipendenza dai consumi di combustibili fossili. (Redazione)

vedi

Crédit Agricole punta su Catania