Innocenza di una città

Santa Rosalia, dipinto di va Dyck custodito al Prado di Madrid

(Redazione) Scaduti, ieri a mezzogiorno, i termini per la presentazione delle offerte per la realizzazione del festino di Santa Rosalia. L’ edizione annuale immagina la città come una bambina, esaltando l’ infanzia come rappresentazione di speranza del futuro, nell’anno di Palermo Capitale della Cultura. Sarà , dunque, questo il tema conduttore del 394° festino, in programma il prossimo 14 luglio. E’ previsto che l’aggiudicatario,  tenuto all’ organizzazione, dal 10 al 14 luglio,  di tre eventi al giorno a sfondo storico-religioso, possa realizzare anche l’edizione 2019.  Com’è noto il corteo del 394° Festino di Santa Rosalia partirà nel tardo pomeriggio del 14 luglio dal Piano del Palazzo Reale al Foro Italico e si snoderà lungo corso Vittorio Emanuele con tappe alla Cattedrale, ai Quattro canti e piazzetta Santo Spirito (Cavallo Marino), con eventi che coinvolgono anche le piazze  Pretoria e Bellini, per concludersi al Foro Italico Umberto I con i giochi di fuoco. L’ importo a base di gara è di 225.409,84 euro, al netto di Iva. La durata dell’appalto (escluse le eventuali opzioni) decorre dall’affidamento del servizio fino alla data del 15.07.2018.  La commissione aggiudicatrice è composta di tre persone esperte nello specifico settore cui si riferisce l’oggetto del contratto. Dopo essere stata lungamente considerata la città del male, dove tutto il peggio della politica, dell’ economia e dell’ ingiustizia veniva consumato, il festino di Santa Rosalia immagina adesso una città infante, portandone in trionfo l’ innocenza.

Lascia un commento