Inizia oggi a Rimini Key – The Energy Transition Expo

ph Marijana Vasic on Unsplash

Al via oggi la seconda edizione di Key – The Energy Transition Expo, evento di Ieg (Italian Exhibition Group) che, per 3 giorni, fino al primo marzo, trasformerà il quartiere fieristico di Rimini nel palcoscenico d’eccezione per tutte le tecnologie, servizi e soluzioni integrate per l’efficienza energetica e le energie rinnovabili.

Sono attesi circa 800 brand espositori (oltre il 30 per cento in più rispetto al 2023), di cui circa il 35 per cento dall’estero, con la presenza di aziende di rilevanza internazionale, leader nei propri mercati di riferimento. Saranno presenti anche 13 brand espositori siciliani.

La manifestazione, punto di riferimento in Sud Europa, Africa e bacino del Mediterraneo sulla transizione energetica, conferma il format di successo sperimentato a marzo 2023 e torna a consolidare il proprio ruolo di network privilegiato per la community internazionale della transizione energetica, in grado di connettere fra loro i key player del settore e favorire l’interlocuzione con le Istituzioni.

Key 2024 ha rafforzato la propria vocazione internazionale, ampliando il numero di Paesi presenti e coinvolgendo tutti quelli che dimostrano una potenziale e forte domanda di tecnologie e soluzioni innovative per la transizione energetica.

Inoltre, grazie al supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e di Ice Agenzia, a una rete capillare di agenti internazionali e alla collaborazione con le più importanti associazioni italiane ed estere, Key ospiterà circa 300 buyer e delegazioni provenienti da 57 Paesi.

Piazza Pretoria

Fortemente orientato alla componente internazionale anche il programma convegnistico definito dal Comitato Tecnico Scientifico di Key presieduto da Gianni Silvestrini – per lunghi anni consulente del Comune di Palermo – per offrire agli operatori del settore informazioni e formazione di qualità e un’occasione di aggiornamento professionale, per arricchire le proprie competenze, conoscenze e know-how.

Per la seconda edizione, il layout di manifestazione è stato rinnovato: 16 padiglioni in totale, 4 in più rispetto al 2023, 14 dei quali (D1 – D7 e B1 – B7) divisi in 7 aree espositive tematiche.

Nel padiglione C1 troveranno spazio Arene e Agorà per eventi e workshop, mentre nel padiglione A1 si svolge in concomitanza Dpe – International Elextricity Expo, la manifestazione organizzata da Italian Exhibition Group in collaborazione con l’Associazione Generazione Distribuita – Motori, Componenti, Gruppi Elettrogeni federata Anima Confindustria – e Federazione Anie, dedicata all’ecosistema della generazione, trasmissione, distribuzione, sicurezza e automazione elettrica, che presenta l’offerta italiana ed europea dei sistemi e componenti per la generazione e distribuzione di elettricità, che stanno plasmando il futuro energetico in Europa e nel bacino del Mediterraneo.

Nuova veste anche per l’Innovation District, presso la Cupola Lorenzo Cagnoni – Innovation Square, che quest’anno è stato potenziato e prevede per la prima volta 4 percorsi tematici che consentiranno agli espositori e alle Start-up e Pmi innovative italiane ed estere presenti in fiera di mostrare prodotti, soluzioni e tecnologie all’avanguardia, fare networking, scambiare idee e intercettare nuove opportunità di business.

Presso quest’area, organizzata da Italian Exhibition Group SpA, in collaborazione con Ice – Italian Trade Agency, ART-ER e Fondazione Mai, e con Angi come Main Partner, si terranno eventi e pitch di presentazione e sarà presente anche un corner per le interviste.

Saranno assegnati per la prima volta il Premio Start-Up Innovativa riservato alle Start-up e Pmi che si saranno distinte per progetti altamente innovativi per il mercato delle rinnovabili e della transizione energetica, e il Premio Lorenzo Cagnoni per l’innovazione dedicato alla memoria del presidente di Ieg e riservato agli espositori per i 7 progetti più innovativi presentati in ciascuno dei sette settori merceologici di Key. (Redazione)

vedi

Sicilia indietro sulle rinnovabili