Incontro sulla questione meridionale

Documenti legati alla rivoluzione siciliana del 1848 in mostra all’Università di Palermo nel giugno del 2018

 

(Redazione) Un incontro mette di nuovo al centro la questione meridionale. Il progetto di cambiamento della Sicilia sarà dibattuto nella tavola rotonda organizzata dal neo movimento Siciliani verso la Costituente con l’obiettivo di avviare un percorso comune assieme alla galassia del movimento cooperativo.

Il convegno si svolgerà il 18 luglio, alle ore 16, presso l’Astoria Palace di via Montepellegrino 62. Saranno presenti docenti, politici, esperti, economisti e rappresentanti del mondo cooperativo. Tra i partecipanti il presidente nazionale Unci Pasquale Amico, il presidente di Unicoop Sicilia Felice Coppolino, il presidente della coopertiva Sosvile Luciano D’Angelo, il presidente dei Siciliani verso la Costituente Salvo Fleres, l’economista Salvatore Grillo Morassutti, il presidente nazionale Confimpresa Italia Euromed Alessio Lattuca, il medico Doriana Licata, i docenti universitari: Andrea Piraino (Unipa) e Daniel Amato (Campus University di Malta) e il consulente di finanza agevolata, Vincenzo Petracca. Interverrà anche l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

L’incontro sarà moderato dall’esperta in politiche del lavoro, Anna Maria Di Vanni.

 

(Sergio Scialabba) La questione meridionale è scomparsa dal dibattito pubblico. Essa è stata oggetto di studi e approfondimenti di grande rilievo per un tempo lunghissimo, accompagnati da un impegno preciso di tutte le forze politiche che, organizzate in partiti, si servivano del Sud come filtro ottico per proporre soluzioni ai problemi, modelli innovativi, chiavi di interpretazione del passato e del presente. Oggi il dibattito è dominato dalla questione settentrionale. Le cose della Sicilia, che ha problemi analoghi a quelli del Sud ma anche specificità, vengono per pigrizia ricondotti alla questione della mafia, con errori, omissioni e atteggiamenti ipocriti.

 

vedi anche In mostra la Sicilia ribelle

 

 

  

Lascia un commento