In scena Pink Floyd – Carmen Suite

Svetlana Zakharova

Dall’8 al 14 maggio va in scena al Teatro Massimo Pink Floyd – Carmen Suite. Lo spettacolo di danza che, in un’unica serata, ha per protagonista il Corpo di ballo del Teatro Massimo propone Pink Floyd – Atom Heart Mother, creazione di Micha van Hoecke per il Corpo di ballo del Teatro Massimo di Palermo, e Carmen Suite, la coreografia di Alberto Alonso ripresa dalla moglie che è anche la sua musa, Sonia Calero, con le musiche di Bizet e di Massenet riscritte da Rodion Ščedrin.

Pink Floyd, con la regia e coreografia di Micha van Hoecke, assistente alla regia e coreografia Miki Matsuse, rappresenta i ricordi del coreografo belga: l’arrivo a Parigi, la scoperta della libertà, anche grazie alla musica dei Pink Floyd, ma anche il rapporto con la bellissima madre, con il padre, affascinante seduttore, con la sorella gemella Marina, alla quale è dedicata questa coreografia creata per il Corpo di ballo del Teatro Massimo e che ha avuto la prima rappresentazione la scorsa estate al Teatro di Verdura. Ospite d’onore nel ruolo del padre è Denis Ganio, gli altri ruoli sono interpretati da Elisa Arnone (la madre), Yuriko Nishihara e Linda Messina (la figlia), Michele Morelli ed Emilio Barone (il figlio), Giuseppe Bonanno (il clown), Andrea Mocciardini e Alessandro Casà(L’ombra), Carmen Marcuccio, Francesca Davoli, Andrea Mocciardini e Alessandro Casà (coppia di star), Gianluca Mascia e Alessandro Cascioli (l’uomo). L’impianto scenico di Renzo Milan per l’allestimento del Teatro Massimo sfrutta il video realizzato da Studio Rain, luci di Sergej Ševčenko.

Svetlana Zakharova e Mikhail Lobukhin

Nella seconda parte Carmen Suite vede come artisti ospiti Svetlana Zakharova, étoile del Teatro Bol’šoj di Mosca e del Teatro alla Scala di Milano, e Tatiana Tkačenko (Carmen), Denis Rodkin, primo ballerino del Teatro Bol’šoj di Mosca, e Ivan Oskorbin (Don José) e Mikhail Lobukhin (Escamillo), primo ballerino del Teatro Bol’šoj di Mosca. Con loro Francesca Davoli e Romina Leone (Destino) e Michele Morelli e Diego Mulone (Zuniga) e il Corpo di ballo del Teatro Massimo. La coreografia di Alberto Alonso che racconta la tragica storia di Carmen, donna libera che sconta con la vita la sua rivendicazione della libertà di passare dall’amore di Don José a quello di Escamillo, è stata ripresa dalla vedova e musa di Alberto Alonso, Sonia Calero, e da Maria Cristina Alvarez, con le musiche di Rodion Ščedrin che rielaborano i temi dell’opera di Georges Bizet. Le scene e i costumi di Boris Messerer sono quelli storici della prima esecuzione nell’allestimento del Teatro San Carlo, le luci sono di Sergej Ševčenko. Assistente alle coreografie e maître de ballet Andrei Fedotov. (Redazione)

Lascia un commento