Il 15 giorno dell’Ordine di Malta

ph Kyrylo Balakleiet on Unsplash

Sabato 15 ottobre torna la Giornata Nazionale dell’Ordine di Malta. Dalle ore 09 alle ore 19 in Piazza Castelnuovo oltre alle informazioni sul lavoro svolto quotidianamente sul territorio dai volontari ci sarà personale sanitario per rilevamento di parametri pressori e glicemici e dimostrazioni di primo soccorso.

In Italia l’Ordine di Malta opera attraverso i tre Gran Priorati e le Delegazioni al servizio delle persone e delle famiglie in stato di necessità; l’Acismom (Associazione Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta) segue la parte sanitaria con l’ospedale di Roma e ambulatori in tutta Italia; il Corpo Militare è dedito all’assistenza sanitaria e umanitaria supportando la sanità militare in Italia e all’estero; il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta – Cisom presta servizi di pronto soccorso, servizi sociali, di prima emergenza e interviene in occasione di calamità naturali, operando in stretta collaborazione con il Dipartimento Italiano della Protezione Civile la Guardia Costiera e le Capitanerie di Porto.

Molte iniziative sono state avviate per contrastare la pandemia da Covid-19. Dall’inizio della guerra le energie dei volontari si stanno concentrando anche sull’emergenza Ucraina. Il Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta – fondato a Gerusalemme oltre 9 secoli fa – ha una duplice natura: è Ordine religioso laicale ed ente primario di diritto internazionale. La sua missione è di essere al servizio dei poveri, dei malati, dei rifugiati e di coloro che sono ai margini della società. I suoi 13mila membri, gli 80mila volontari permanenti, coadiuvati da oltre 40mila tra medici, infermieri, ausiliari e paramedici.

L’Ordine di Malta intrattiene rapporti diplomatici con scambio di Ambasciatori in 112 Stati, tra questi la Repubblica Italiana e la Santa Sede.

In particolare a Palermo i membri ed i volontari della Delegazione della Sicilia Occidentale sono impegnati nei servizi di distribuzione di pasti caldi e vestiario ai senza fissa dimora presso la Stazione Centrale, di approvvigionamento e distribuzione di pasti presso la mensa del centro Don Orione, di Organizzazione del pranzo di Natale con i Signori malati in casa di riposo, nell’accompagnamento in pellegrinaggio ai santuari di Loreto e Lourdes dei Signori Malati, fornendo e supporto medico e umano per tutto l’anno, nell’organizzazione esecutiva e logistica, servizi generali e di assistenza per il campo estivo Granpriorale per i giovani disabili e i volontari che li accompagnano.

Il Corpo Militare Speciale Ausiliario dell’Esercito ItalianoUnità Territoriale Sicilia è impegnato in attività di supporto e formazione sanitaria in favore dell’Esercito Italiano; di assistenza sanitaria alle attività addestrative interne e servizi a carattere sanitario specialistico in favore di Enti civili e militari che ne facciano richiesta, in Corsi di formazione di primo soccorso anche a favore delle altre Forze Armate e Protezione Civile.

Il Raggruppamento Sicilia del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta (Cisom) partecipa con personale sanitario alla missione di soccorso nel Mediterraneo, sui mezzi della Guardia Costiera ed offre assistenza medica ai migranti durante la traversata; all’attività di monitoraggio e prevenzione della diffusione dell’epidemia di Covid 19 con il progetto Un tampone per amico mediante la presenza di un punto vaccinale di prossimità; attività di primo soccorso presso la Cappella Palatina, Fondazione Federico II, primo soccorso e pubblico servizio, assistenza ai disabili, in occasione di eventi di rilievo locale; forma un presidio settimanale dei volontari sanitari e laici per punto di ascolto sanitario, nonché organizzazione di visite mediche specialistiche ed ascolto psicologico, per i senza fissa dimora e le persone in stato di indigenza presenti sul territorio, partecipazione ai campi estivi organizzati per i Signori Malati in Sicilia ed al campo nazionale.

La locandina della giornata nazionale dell’Ordine di Malta

E, intanto, parte oggi il Gozo Project promosso dal Cisom e dall’Ordine di Malta per fornire ai volontari maltesi conoscenze e competenze utili ad affrontare criticità di tipo medico sanitario durante le missioni umanitarie. Fino 15 ottobre a Gozo istruttori e formatori del Cisom saranno impegnati in una quattro giorni di corsi, con particolare attenzione all’aspetto pratico e addestrativo: dal Primo Soccorso all’utilizzo dei defibrillatori semi automatici esterni fino alla gestione delle emergenze ostetriche. (Redazione)

vedi

Cisom dal Mediterraneo all’Ucraina