In Germania Friedrich Merz guarda (anche) a sinistra

Sahra Wagenknecht (foto Repubblica)

Nel voto di settembre in Sassonia, Turingia e Brandeburgo, la Cdu di Friedrich Merz potrebbe allearsi con l’estrema sinistra, per evitare di finire fagocitata dall’estrema destra che in Germania è in fortissima crescita.

Questo nonostante le riserve del presidente dei cristiano democratici sulle politiche proposte non solo dall’estrema sinistra, ma persino del cancelliere Olaf Scholz, molto criticato, benché la Spd resti un naturale alleato della Cdu.

Quanto riferito dal Foglio, il giornale fondato da Giuliano Ferrara, chiarisce ancora la fluidità dell’attuale momento, sia al livello centrale, in Europa, che regionale – periferico, come i länder tedeschi, nonchè le affini problematiche, dinamiche e soluzioni proposte.

Il Foglio cita Sahra Wagenknecht. Rappresentante al Bundestag della Renania Settentrionale – Vestfalia, a gennaio 2024 si è staccata da Die Linke e ha fondato una forza politica di ispirazione populista, BSW.

Per essere anti Nato, No Vax ma, soprattutto, filorussa, può svuotare Afd e tali caratteristiche la rendono pure adatta a costruire nuovi ponti o ricostruirne di vecchi, cominciando proprio dal fronte Est. (Redazione)

vedi

Cinisello Balsamo premia Avs, verdi italiani in Ue han ruolo

e il commento

Non è la Merz ma il Sauerland