Il sociale riparte da qui

ph Gwen King on Unsplash

Prossima, la struttura di Intesa Sanpaolo dedicata all’Economia del bene comune, organizza un road show digitale dal titolo Noi Ripartiamo: quattro incontri che vedranno la partecipazione di esperti, personalità istituzionali, realtà del terzo settore e management della banca, per affrontare in ciascuna tappa alcune delle grandi tematiche decisive per il non profit italiano affinché partecipi con un ruolo da protagonista al Pnrr e alla ripresa del Paese.

La sostenibilità, intesa come dimensione dinamica e di sviluppo equilibrato in cui si integrano tutti gli aspetti economici, ambientali, climatici, sociali e di governance, pervade il Pnrr a cui l’Italia ha ancorato le possibilità di ripresa

Per valorizzare al meglio il potenziale di crescita sociale ed economico che l’azione civile può sviluppare si dialogherà sui punti cardinali e le direttrici strategiche dell’azione del Terzo Settore dentro la cornice degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile: digitalizzazione, fonti finanziarie innovative, rilancio della cultura e del turismo, inclusione e cittadinanza. Sono gli ambiti strategici sui quali il Pnrr insiste con maggiore forza e originalità.

La sostenibilità, intesa come dimensione dinamica e di sviluppo equilibrato in cui gli aspetti economici, ambientali, climatici, sociali e di governance si integrano in una logica moltiplicativa, multidisciplinare e multifattoriale, attraversa tutte le missioni del Pnrr. Essa si può concretizzare a condizione che le comunità progettino insieme. E il Pnrr è attualmente lo strumento al quale l’Italia ha ancorato le sue aspettative di ripresa.

Una pratica, quella della co-progettazione, che fa parte dell’eredità di Banca Prossima e che Intesa Sanpaolo si è data come approccio metodologico per stimolare il processo di generazione del bene comune.

Il Terzo Settore ha subìto un colpo molto forte dalla crisi ma è anche stato una forza su cui il Paese ha potuto contare per la ripartenza, in cui occorre anche reinventarsi e innovare. Ora l’obiettivo è guardare al futuro, a quelle che saranno le linee guida dello sviluppo, del ritorno alla normalità e a una crescita diversa.

Per poterlo fare il credito è importante per incoraggiare e indirizzare il non profit a migliorare la propria sostenibilità. ‘Noi Ripartiamo’ muove da queste considerazioni.

La Banca, le realtà non profit, gli esperti e le personalità istituzionali impegnati a progettare la nuova agenda del non profit italiano accompagnano il Terzo Settore a essere protagonista del Pnrr e alla ripresa del Paese” dichiara Marco Morganti, Responsabile della Direzione Impact di Intesa Sanpaolo, che parteciperà a tutte le tappe del road show.

Il viaggio di “Noi Ripartiamo” prende il via a Palermo. La capitale della Sicilia sta, infatti, guadagnando un importante spazio nell’attenzione di tutto il mondo della cultura.

L’incontro Nuove alleanze e nuovi strumenti per ripartire dedicato a ripensare il Terzo settore prende spunto da alcuni suoi gap: la digitalizzazione, il networking, l’innovazione, la qualità del management

In tema di cultura e turismo la banca ha ideato un nuovo modello di valutazione della cultura e della produzione di spettacolo dal vivo, il Giudizio Strutturato Cultura.

Giuliano Amato con Bettino Craxi nel 1985

Il percorso farà tappa a Bari, Roma e Bergamo dove l’ospite d’onore sarà Giuliano Amato, Vicepresidente della Corte Costituzionale, il quale dedicherà il suo intervento al credito che abilita i diritti costituzionali.

Gli incontri potranno essere seguiti online. Per informazioni e per ricevere il link per il collegamento è sufficiente scrivere a: ctps.terzosettore@pec.intesasanpaolo.com. (Redazione)

vedi

Premio Angelo Ferro a Moltivolti