Il Premio Padre Puglisi dedicato ai giovani che emigrano

Il Politeama Garibaldi

La XV edizione del “Premio Internazionale Beato Padre Pino Puglisi” è dedicata ai ragazzi che, con i loro sogni nel cassetto, sono costretti a lasciare la propria terra d’origine. Un premio, quindi, dedicato “ai giovani costretti a migrare”. Il progetto, ideato originariamente da Padre Antonio Garau con l’associazione Giovani 2017 -3P presieduta da Gemma Ocello, è cresciuto con l’attenzione per i temi legati alla pace, alla legalità, e soprattutto ai bambini e ai giovani.

Abbiamo deciso di dedicare il premio ai ragazzi che emigrano – dicono Padre GarauGemma Ocelloperché siamo sicuri che oggi Padre Puglisi avrebbe maggiore attenzione per l’importante problema dell’emigrazione di quei giovani costretti ad andare fuori per motivi di studio e di lavoro, creandosi una vita in altre parti del mondo perché la loro terra li ha rifiutati”. 

Padre Puglisi

Il Premio è organizzato dall’Arcidiocesi, in collaborazione con l’associazione Giovani 2017 – 3P. Dallo scorso anno, infatti, è l’arcivescovo di Palermo, Monsignor Corrado Lorefice, a presiedere la giuria del premio: “Il Beato don Pino Puglisi ha testimoniato il volto di un Vangelo che si incarna e guarda con simpatia e amicizia gli uomini e le donne – afferma Lorefice – Un Vangelo che intercetta tutto quello che c’è di buono e di vero negli uomini. Don Pino è testimone di un Vangelo che riesce a cambiare e a trasfigurare gli uomini, la sua è stata una vita che ha detto in tutto e per tutto che è possibile cambiare rotta”. 

La serata con la consegna dei riconoscimenti, presentata dal vice direttore della Tgr Roberto Gueli e dalla giornalista Alessandra Turrisi, si svolgerà domenica 1 dicembre 2019, dalle ore 21, al Politeama. Saranno premiati in sette, fra quanti si sono spesi a favore dei più deboli in attività sociali e di beneficenza: l’attrice Laura Efrikian, il prete Mattia Ferrari, il giornalista Domenico Iannaconeil procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, il chirurgo Gloria Pelizzo, il mental coach Massimilano Sechi, il cardinale Ernest Simoni.  (Redazione

 

vedi

Serata speciale

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento