Il Grande Lockdown non ha precedenti

ph Christine Roy on Unsplash

Secondo il Fondo Monetario Internazionalela crisi covid-19 non ha precedenti è c’è una sostanziale incertezza circa il suo impatto sulla vita delle persone e sui mezzi di sussistenza. Molto dipende dall’epidemiologia del virus, dall’efficacia delle misure di contenimento e dallo sviluppo delle terapie e dei vaccini, dei quali tutto è difficile da prevedere”.

“In più – registra ancora il Fondo – molti paesi, adesso, affrontano crisi multiple –  una crisi sanitaria, una crisi finanziaria e un collasso dei prezzi delle commodities che interagiscono in modi complessi.

I decisori politici  stanno fornendo un supporto senza precedenti a famiglie, aziende e mercati finanziari e, mentre questo è cruciale per le rianimazioni, c’è considerevole incertezza intorno a come apparirà lo scenario economico quando usciremo dal lockdown.”

 “Ipotizzando – sono le (impressionanti) conclusioni sull’economia mondiale – che la pandemia e le necessarie misure di contenimento raggiungeranno il picco nel secondo quarto e si contrarrà nella seconda metà di quest’anno per molti paesi del mondo, nel World Economic Outlook di aprile si prevede un diminuzione della crescita globale nel 2020 del -3 per cento.Si tratta di un declassamento di 6,3 punti percentuali da gennaio 2020, una revisione importante in un periodo molto breve“.

Per l’organizzazione il Grande Lockdown (questa la definizione) è la peggior recessione dai tempi della Grande Depressione e molto peggiore della Crisi Finanziaria Globale del 2009. Nel 2021? Si prevede un recupero di 5,8 punti percentuali se le attività economiche si normalizzeranno, aiutate da politiche di sostegno. (Redazione)

 

vedi anche

 

Il coronavirus atterra l’indice Zew

 

 

 

Lascia un commento