Il futuro dello sport secondo Csi

Lo stadio Renzo Barbera di Palermo

Il Centro Sportivo Italiano è pronto a riflettere sul futuro del suo modello sportivo. Lo farà nel corso dell’appuntamento Ai bordi del campo, sempre in campo. Csi, giovani e sport oltre la pandemia, fissato a Roma presso l’iH Hotels Rome Z3 dal 24 al 26 giugno.

L’evento, a conclusione del progetto del Csi A Bordo Campo, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, vedrà nel weekend capitolino ritrovarsi i presidenti provinciali e regionali del Csi, convocati per la Consulta dei Presidenti.

Altri quadri associativi, dai coordinatori della formazione e dell’attività sportiva, sono stati convocati in presenza in occasione di questo importante meeting associativo, alla luce delle nuove normative per discutere, a cavallo delle due riforme, sui diversi presupposti legati al connubio sport e terzo settore ed in special modo sulla futura programmazione associativa, identificando ad esempio delle realtà territoriali interessate a partecipare ad azioni di progetto.

Venerdì 24 giugno a riscaldare i partecipanti saranno i numeri e le statistiche del progetto Offside con dati aggiornati sui praticanti, frequentatori e il drop out giovanile nello sport.

Sarà quindi dalle ore 18:30 il presidente nazionale, Vittorio Bosio, a spiegare alla platea ciessina Perché ripensare l’attività sportiva… insieme.

Sabato 25, mentre entreranno nel vivo i lavori della Consulta dei Presidenti e l’attuale dibattito sul futuro modello sportivo del Csi, oltre all’osservatorio e alle tendenze dell’attività sportiva il focus del meeting andrà sui partner accademici, sui processi su diversi approfondimenti tenuti da chi negli Atenei è a stretto contatto con gli studenti di Scienze Motorie.

Sono attesi gli interventi del Prof. Antonio Borgogni, presidente del C.d.S. in Scienze Motorie e Sportive presso il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università degli studi di Bergamo, come anche del Prof. Simone Di Gennaro, presidente dei Corsi di Laurea di scienze motorie, Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale.

Altri relatori saranno il Prof. Fabio Carlevaro, Psicologo – Università di Asti, formatore Csi, e il Dr. Roberto Lamborghini, comitato di sviluppo Master Sport Institute e Centro Studi e ricerche SG Plus offrirà una lettura dei dati registrati dal Centro Studi.

Domenica 26 giugno, assieme ai vertici della formazione Csi, si analizzeranno infine i materiali realizzati verso il mondo della scuola, di ogni ordine e grado, per rafforzare la strategia di progettazione e di sperimentazione del Csi, da sempre interlocutore privilegiato dell’universo scolastico.

Con la tradizionale passione educativa, i diversi ruoli associativi interessati, ragioneranno infine sui possibili scenari e sull’evoluzione dei campionati, come sul tema delle risorse e dei finanziamenti, prima delle conclusioni affidate domenica al numero uno associativo, Bosio. (Redazione)

vedi

Lo sport preghi per l’Ucraina