Il decentramento questione “centrale”

Palazzo delle Aquile

(Redazione) È stata pubblicata sul sito istituzionale del Comune la Deliberazione del commissario ad acta (nominato per compiere un atto specifico ndr), in sostituzione del Consiglio Comunale, concernente il provvedimento di modifica del regolamento per il Decentramento.

Il provvedimento è stato adottato dal commissario Giuseppe Petralia, nel corso di una riunione tenutasi in teleconferenza con il segretario generale del Comune, Antonio Le Donne.

Non sono state sufficienti ben due diffide e il conseguente commissariamento da parte dell’assessorato regionale per gli Enti Locali, a spingere il Consiglio Comunale ad approvare il regolamento sul decentramento che avrebbe devoluto alle Circoscrizioni i poteri stabiliti dalla legge.

Dal 2017 ad oggi, su nostra sollecitazione, in nome e per conto anche dei 72 consiglieri di circoscrizione eletti, abbiamo incontrato numerose volte il sindaco, gli assessori al Decentramento che si sono succeduti, il presidente del Consiglio Comunale, le Commissioni Consiliari, il Segretario Generale e gli Uffici Competenti affinché anche Palermo avesse un decentramento degno della quinta città d’italia.

Nonostante il termine perentorio di ulteriori 7 giorni concessi dal Commissario ad acta per approvare il nuovo regolamento sul decentramento e le proposte di modifica pervenute dalle Circoscrizioni e dagli uffici, nella seduta di ieri il Consiglio comunale non è riuscito ad approvare l’atto deliberativo, dando l’ennesima dimostrazione di scarsa attenzione verso il Decentramento e mancanza di rispetto istituzionale

Lo scrivono in una nota i presidenti delle otto circoscrizioni cittadine che aggiungono:

Siamo stanchi di essere presi in giro. Decentrare i servizi significa avvicinare sempre di più i cittadini alle Istituzioni. E noi, che rappresentiamo i cittadini che ci hanno eletto, non possiamo apparire deboli per colpe non nostre. Ci confronteremo fin da subito con i nostri rispettivi consigli ma è già nostro intendimento vederci lunedì 1 Marzo a Piazza Pretoria per consegnare ‘simbolicamente’ le chiavi delle Circoscrizioni al sindaco e al presidente del Consiglio Comunale“.

Andrea Aiello (Udc)

Per la segreteria cittadina dell’Udc Italia l’attuazione di un vero decentramento sarebbe la soluzione per i problemi della città.

Non si tratta di giocare al ribasso sulle grandi questioni, ma di avere una visione coraggiosa nell’attuare una riforma che serve alla città e che cambierebbe radicalmente il rapporto tra il cittadino e la pubblica amministrazione” recita una nota.

Mettiamo da parte gli antagonismi e ragioniamo seriamente su un regolamento che dia reale potere alle Circoscrizioni. Come Udc proporremo a tutte le forze politiche di lavorare ad un documento che rispetti il grande lavoro dei presidenti di circoscrizione e di tutti i consiglieri di circoscrizione e che permetta un reale decentramento dei poteri” commenta il coordinatore cittadino Andrea Aiello.

Per il partito centrista “Sarebbe il caso di scusarsi con i presidenti delle circoscrizioni, costretti, chissà ancora per quanto tempo, ad accogliere le istanze dei palermitani senza poter fornire adeguate risposte“.

vedi

Decentramento sfida mai iniziata