Il Comune affronta (tardivamente) l’emergenza covid alla Rap

Palazzo delle Aquile

È inequivocabilmente tardiva la risposta del Comune di Palermo all’emergenza coronavirus. A seguito della individuazione di 10 casi positivi fra i dipendenti della Rap, è stato costituito un tavolo permanente che coinvolge il Cda dell’azienda, il vicesindaco, gli assessori competenti al fine di verificare la necessità ed eventualmente programmare interventi straordinari in previsione delle conseguenze del rallentamento o addirittura del blocco dell’attività di raccolta. L’azienda, nel frattempo, ha avviato una campagna di esami a tappeto per tutti i dipendenti, dalla quale potrebbe risultare, tenuto conto dell’attuale alto numero di positivi asintomatici, un numero elevato di casi positivi, tale da determinare per due-tre settimane un grave rallentamento delle operazioni di raccolta. D’accordo con il sindaco, la Rap ha scritto al Prefetto, illustrando la situazione, prospettando i rischi e chiedendo quindi che si valutino interventi urgenti anche con il ricorso all’esercito e ad altre strutture pubbliche e private. Intanto l’azienda ha attivato contatti con alcune imprese private che da stanotte dovrebbero entrare in campo a supporto delle squadre aziendali. (Redazione)

 

vedi

Le aziende comunali impreparate al coronavirus

Un focolaio di covid alla Rap

Alla Rap si lavora senza mascherina

 

 

 

 

Lascia un commento