Il ‘700 rivive a Palazzo Mirto

un momento della visita a Palazzo Mirto

di Carmela Corso

 “L’uomo vive nel tempo, nella successione del tempo”: sembra, forse, essere ispirata alle parole di Borges la visita guidata, organizzata da GTA in collaborazione con CULTURALAB, in occasione della Giornata Internazionale della Guida Turistica, nelle sale di Palazzo Mirto.

LA VISITA Un salto nel ‘700, questo il titolo dell’evento, durante il quale, vestite in abiti d’epoca, le guide hanno accompagnato i visitatori tra le sale del piano nobile e dell’area privata raccontando, sulle delicate note dell’arpa tripla barocca della giovane Ginevra Gilli, la vita e le abitudini della famiglia Filangeri e, più in generale, della nobiltà siciliana, scandita all’interno di ambienti sontuosamente arredati con porcellane, maioliche, ceramiche siciliane, orologi, ventagli, vetri, armi e bronzetti.

IL PALAZZO  Situato tra le vie Merlo e Lungarini, nella culla di dimore nobiliari in auge durante l’età barocca, il palazzo entra a far parte del patrimonio del casato Filangeri all’inizio del XVII secolo a seguito delle nozze, celebrate nel 1594, fra Don Pietro Filangeri conte di S. Marco e Francesca De Spuches. Il titolo di Mirto perviene al casato nel 1643 quando Giuseppe Filangeri e Spuches viene nominato “primo principe di Mirto”, dal nome del feudo nel territorio di Messina. Risultato di numerose trasformazioni succedutesi nei secoli del palazzo seicentesco è rimasto ormai poco a seguito della realizzazione del prospetto sulla via Lungarini, del portale sulla via Merlo e di altre modifiche risalenti al 1830 e al matrimonio tra Vittoria Filangeri e Ignazio Lanza. Nel 1982, l’ultima erede della famiglia, la nobildonna Maria Concetta Lanza Filangeri, adempiendo alle volontà del fratello Stefano, donò il palazzo alla Regione Sicilia affinché fosse mantenuto nella sua integrità e aperto alla pubblica fruizione.                                                                                                                                     
L’ EVENTO  in replica domenica 25 febbraio, sarà svolta in turni di 90 minuti, dalle ore 9. Costo €6 più un contributo di €4 da devolvere in beneficenza alla “Missione e Carità” di Biagio Conte. Info e prenotazioni al 3358111954 – 3316220292 o info@guidepalermo.it

Lascia un commento