Il 2019 sarà ricordato come l’anno dell’e-commerce

ph Freestocks.org on Unsplash

(Redazione) La sostenibilità ambientale diventa un’esigenza sempre più pressante in tema di imballaggi soprattutto perchè, ad ogni clic, ad ogni transazione effettuata, ad ogni acquisto corrisponde un imballaggio.

I pacchi molto spesso raggiungono il cliente a casa e, pertanto, richiedono particolari precauzioni, senza contare la frequente eventualità del reso. Materiali riciclabili, riduzione degli scarti tra imballaggi primari e secondari e gestione della catena di distribuzione sono parole d’ordine che l’e-commerce ha fatto già proprie adeguando le proprie strategie ai tempi e programmandone di nuove per il futuro.

Anche se, in Italia, il commercio elettronico è, ancora, distante dagli impressionanti numeri di Cina, Stati Uniti e Regno Unito, il 2019 sarà ricordato come l’anno della sua definitiva consacrazione. Secondo le ultime previsioni dell’Osservatorio eCommerce 2019 del Politecnico di Milano e Netcomm, alla fine di quest’anno gli acquisti nel nostro Paese avranno superato i 31,5 miliardi di euro, in crescita del 15 per cento rispetto al 2018.

Il 44 per cento degli italiani compra da aziende italiane che dispongono di un negozio online. Siamo già a 20 milioni di consegne al mese. I numeri non sono ancora importanti come quelli di Cina, Stati Uniti e Regno Unito ma sono destinati a crescere. 

 

vedi

Le conseguenze dell’e-commerce

E-commerce sfida per la città?

 

 

 

Lascia un commento