Giuseppe Mineo condannato dalla Corte dei Conti

ph Aaron Burden on Unsplash

(Redazione) La sezione giurisdizionale della Corte dei Conti presieduta da Guido Carlino ha condannato l’ex giudice non togato del Consiglio di Giustizia Amministrativa Giuseppe Mineo a risarcire il Consiglio di Stato con 315 mila euro “in quanto, nella sua qualità di consigliere laico del Cga, nonostante i ripetuti solleciti, depositava con ritardo superiore ai termini di legge le sentenze che gli venivano affidate”. 

Secondo la Corte questo contegno avrebbe prodotto un danno erariale.

“Il componente del Cga –  – dicono i giudici – era assolutamente consapevole dell’antigiuridicità della condotta, in considerazione della sua preparazione giuridica, anche in ragione del procedimento disciplinare cui era stato sottoposto proprio a causa dei ritardi nella definizione dei procedimenti assegnatigli, esitato in una sanzione disciplinare. Atteso il cospicuo numero delle sentenze depositato in ritardo e l’ingente entità dei ritardi stessi, pare ragionevole anche la quantificazione del danno fatta dalla procura contabile nel 70 pe cento della retribuzione corrisposta al componente del Cga”.

 

Lascia un commento