Giorni caldi in casa rosanero

lo Stadio Renzo Barbara in notturna

(Alessandro Ferrante) Giorni caldi in casa rosanero. Mentre Zamparini e la società lavorano sodo alla cessione societaria, la squadra agli ordini di Bruno Tedino si appresta ad affrontare al Barbera il Perugia di Alessandro Nesta.

Zamparini giovedì è stato in città con un’agenda fitta di impegni molto significativi.

Il Patron ha dapprima incontrato la squadra a Boccadifalco per proporre ai giocatori una spalmatura degli ingaggi. Successivamente si è recato negli uffici dello stadio dove ha parlato con il Presidente di Confindustria Palermo Alessandro Albanese per parlare dell’adesione del Palermo all’associazione degli industriali locali nonché alla possibilità di un’ingresso delle aziende locali nell’azionariato societario.

In chiusura Zamparini ha incontrato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando per affrontare il tema del nuovo stadio. Poco prima, intervistato dalla stampa locale il patron aveva dichiarato di aver preso contatti con una (non meglio precisata) cordata americana i quali, però, prima di parlare dell’acquisto della società ponevano come requisito essenziale la costruzione del nuovo stadio. Nel labirintico gioco di potere e burocrazia all’interno della società, intanto, appare molto probabile l’ingresso di Ponte, con un’iniezione di liquidità che garantirebbe ai rosanero serenità economica in attesa dell’arrivo di un acquirente, siano essi gli americani o la cordata capitanata da Raffaello Follieri, a cui Zamparini non ha chiuso le porte.

La squadra rosanero intanto si appresta a giocare 3 partite in una settimana. A Foggia, dopo un primo tempo scialbo e quasi irritante, il Palermo ha ribaltato le sorti dell’incontro con una ripresa basata su compattezza e carattere. La squadra deve ripartire proprio da quel secondo tempo, confermando quanto di buono visto in Puglia. L’avversario di giornata è il Perugia, una squadra assemblata per puntare quantomeno ai playoff, con un allenatore esordiente ma con un’immensa esperienza alle spalle, il campione del mondo Alessandro Nesta.

Tedino, che ha potuto affrontare la settimana con maggiore tranquillità, sorretto da un gruppo di giocatori che lo sostiene, schiererà probabilmente la squadra con lo stesso 3-4-2-1 di Foggia. In difesa, confermati Bellusci e Rajkovic, resta una maglia da assegnare tra Szyminski e l’alcamese Pirrello. Il mister ha comunque dichiarato che una partita tra questa e la successiva contro il Brescia vedrà giocare titolare il giovane proveniente dal vivaio rosanero. A centrocampo, confermati Salvi e Jajalo, Tedino ha ancora l’imbarazzo della scelta tra Murawski e Haas come anche sulla fascia di sinistra tra il rientrante Aleesami e Mazzotta. In attacco infine sembra quasi certo che Nestorovski giocherà dal primo minuto, supportato da Falletti e Trajkovski. Sul fronte umbro, data per certa l’assenza del Nordcoreano Han, l’allenatore perugino Nesta sembra propenso a schierare Melchiorri a fianco del capocannoniere Luca Vido.

Lascia un commento