FOCUS \ La stagione estiva impegna la giunta

la giunta comunale a Mondello

La raccolta differenziata che non decolla, il rifacimento dei marciapiedi che resta un miraggio, i parcheggi di interscambio, la cartellonistica da sistemare. Mondello pensa al futuro, ma la stagione estiva incombe e la giunta comunale, riunita in piazza sotto la guida del sindaco Leoluca Orlando, fotografa una strada in salita. Tanti temi tracciati nel corso di un’assemblea cittadina che ha, se non altro, messo in rilievo, per l’ ennesima volta, l’ esigenza di potenziare il decentramento amministrativo.

La partecipazione fa sempre bene

Il punto, infatti, non è tanto – come è stato chiesto – individuare una squadra di operatori ecologici che siano stabilmente dedicati a questa o ad altre borgate, ma stabilire esattamente a chi rispondano della qualità del servizio erogato, con tutte le conseguenze che ne possono derivano, in termini di premi o di sanzioni. La raccolta dei rifiuti in maniera differenziata a Mondello riguarda uno dei lungomare più belli del mondo. E quindi, se la raccolta non viene eseguita come si deve, si traduce in una figuraccia imperdonabile di fronte ai turisti. Riunirsi significa, anche, dire al microfono che serve una navetta tra l’ Addaura e Mondello, un cordolo in viale Margherita di Savoia dove viene troppo spesso violato un divieto di svolta, lo spurgo della rete fognaria intasata dalla sabbia, oggetto di una specifica istanza all’ Amap da parte del consigliere di Circoscrizione Ferdinando Cusimano. 

il sindaco Leoluca Orlando

Infine, si parla di scuola, o meglio di edilizia scolastica, perchè il plesso Cerere della scuola G.A.Borgese –   XXVII Maggio non basta più. Piazza Mondello resta, comunque, al centro di ogni discussione e non solo perchè tanti vorrebbero rimossi i cartelloni pubblicitari ma perchè riportare la borgata marinara all’ eleganza che la rese celebre in passato sembra quasi un’ utopia. E, forse, non basta tutto l’ impegno possibile dell’ amministrazione comunale, gli investimenti pubblici o quelli privati. Nemmeno il rilancio del decentramento e il potenziamento delle circoscrizioni che, però, servirebbero, almeno, a risolvere quei tanti piccoli guasti che rendono la vita difficile ai turisti e ai residenti. (Sergio Scialabba)

Lascia un commento