Export in America: Sicilia prima

ph Karl Edwards on Unsplash

Gli Stati Uniti sono il principale sbocco commerciale per i prodotti dei clienti della direzione regionale Campania, Calabria e Sicilia di Intesa Sanpaolo. Lo rivela il servizio studi della banca.

Complessivamente le esportazioni verso questo mercato nel 2021 sono state pari a quasi 2,5 miliardi di euro, pari al 10,2 per cento del totale.

Gli Stati Uniti occupano una posizione di rilievo per tutte e tre le regioni: si collocano al secondo posto (dopo Germania) per Campania (con il 10,5 per cento delle esportazioni regionali) e Calabria (con il 12,8 per cento delle esportazioni regionali), al primo per la Sicilia (con il 9,7 per cento delle esportazioni regionali).

La Sicilia nel 2021 ha esportato verso gli Stati Uniti circa 1 miliardo di euro, pari al 2,1 per cento del totale delle esportazioni italiane verso questo Paese. L’export siciliano verso gli Stati Uniti è in aumento del 83,5 per cento rispetto al 2020 e si colloca ben oltre i livelli del 2019 (+40,1 per cento).

La Sicilia esporta negli Stati Uniti principalmente prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio, agro-alimentare, elettrotecnica e chimica.

Nel periodo precedente la crisi innescata dal covid (2008-2019) le esportazioni siciliane verso gli Stati Uniti erano diminuite di quasi il 40 per cento, passando da 1,2 miliardi di euro a 726 milioni, penalizzate dalle minori vendite di prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio.

Il saldo commerciale della Sicilia nei confronti degli Stati Uniti è storicamente positivo, ma in contrazione (da 1,1 miliardi del 2008 a 501 milioni del 2019).

L’avanzo commerciale ha, poi, subito dei ridimensionamenti nel 2020, pur rimanendo in territorio positivo anche durante il 2020 (207 milioni) e nel 2021 (367 milioni).

Il Brasile rappresenta il 18esimo sbocco commerciale per i prodotti dei clienti della Direzione Regionale Campania, Calabria e Sicilia (con l’1,4 per cento delle esportazioni).

Le esportazioni sono pari 341 milioni di euro nel 2021, attribuibili per il 70 per cento alla Campania, il 29 per cento alla Sicilia e solo l’1 per cento alla Calabria.

La Sicilia nel 2021 ha esportato verso il Brasile 100 milioni di euro, pari al 2,2 per cento del totale delle esportazioni italiane verso questo Paese.

L’export siciliano verso il Brasile è aumentato del 130,3 per cento rispetto allo stesso periodo del 2020. I livelli pre-pandemia però sono ancora molto lontani (-33,4 per cento).

La Sicilia esporta in Brasile principalmente prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio, Farmaceutica, Agro-alimentare e Chimica.

Nel periodo precedente la crisi innescata dal covid (2008-2019) le esportazioni siciliane verso il Brasile sono notevolmente cresciute, passando da 38 a 150 milioni di euro. (Redazione)

vedi

Settore farmaceutico traina in Sicilia