Ewiva, a Carini si usa il Pos!

Grazie ad Ewiva si paga la ricarica delle auto elettriche col Pos

Accelerare la diffusione della mobilità elettrica in Italia rendendo la ricarica dei veicoli elettrici sempre più semplice, veloce e accessibile per tutti gli e-driver.

È con questo obiettivo che Ewiva, la joint venture di Enel X Way – la società del Gruppo Enel interamente dedicata alla mobilità elettrica – e di Volkswagen Group, amplia oggi il progetto sperimentale che permette di pagare la ricarica con la propria carta di credito o debito, direttamente sulla sua rete.

C’è anche Carini tra le 5 città che, da Nord a Sud del Paese, sono state selezionate per espandere il pilota avviato a marzo 2023 nella stazione Hpc – High Power Charging – di Ceprano (Fr).

Così, da oggi, alla stazione di ricarica ultra-veloce di Via Ciachea, 17 a Carini si potrà eseguire la ricarica della propria auto elettrica in modo ancora più facile e veloce, grazie al pagamento elettronico.

Carini, una fra le città più popolate del territorio di Palermo, è stata selezionata da Ewiva per l’ampliamento della sperimentazione, sia per il buon tasso di accesso alla rete di ricarica sia per l’importante indotto turistico che la località genera.

Le altre 4 città “pilota” sono Siena e Capalbio in Toscana, Lainate in Lombardia e Mondovì in Piemonte. In linea con la normativa Afir (Alternative Fuels Infrastructure Regulation) della Ue, Ewiva ha in programma di estendere il servizio a tutte le stazioni della sua rete di ricarica ultra-veloce in Italia entro il 2023.

L’impegno di Ewiva per lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia – ha dichiarato Federico Caleno, Ceo di Ewiva e Head of Country Italia di Enel X Way – passa non solo dall’estensione dell’infrastruttura di ricarica ad alta potenza da Nord a Sud del Paese, ma anche dalla capacità di offrire nuovi servizi agli e-driver che rendano l’esperienza di viaggiare in elettrico sempre più semplice e accessibile a tutti.

Offrire la possibilità di pagare la ricarica tramite carta e abilitare la rete a diversi circuiti di pagamento risponde, infatti, alle esigenze di ricarica occasionale ampliando l’accessibilità del servizio.

A seguito della prima sperimentazione avviata a Ceprano, da oggi estendiamo il servizio pilota anche a Carini, che, insieme ad altre stazioni Ewiva collocate tra Nord, Centro e Sud Italia per noi rappresenta un banco di prova importante per eseguire ulteriori test tecnici di funzionalità e ottenere maggiori conferme sulle potenzialità del nuovo servizio”.

L’innovativo servizio, oggi attivo in 6 stazioni di ricarica ultra-veloce Ewiva, prevede la possibilità di pagare direttamente alla stazione in modalità contactless attraverso carte di debito, credito o prepagate dei circuiti Mastercard, Visa, Vpay e Maestro, o tramite Apple Pay e Google Pay.

L’obiettivo di questo progetto è consentire la ricarica del proprio mezzo elettrico anche a clienti occasionali, come ad esempio ai turisti, a chi ha attivato un noleggio a breve termine di un veicolo elettrico o a tutti coloro che non possiedono già un abbonamento con un fornitore di servizi di ricarica (Msp).

Inoltre, la soluzione di pagamento con carta è pensata anche per offrire un’alternativa a chi è orientato alla ricarica a consumo, inclusi gli e-drivers abituali che, in caso di emergenza, potrebbero aver bisogno di metodi di pagamento differenti per poter usufruire della ricarica. Oltre a Carini, le stazioni di ricarica HPC dotate del nuovo servizio di pagamento con carta di credito sono Siena, Capalbio (Gr), Lainate (Mi) e Mondovì (Cn). (Redazione)

vedi

Catania guida per aziende tech