Errico Porzio, celebre pizzaiolo, protagonista di Expocook

ph Aurélien Lemasson-Théobald on Unsplash

Melanzane, pomodorini e ricotta salata: sono i 3 ingredienti siciliani scelti da Errico Porzio, creativo della pizza napoletana, che ha elettrizzato la prima giornata di Expocook 2024 apertosi alla Fiera del Mediterraneo.

Un’edizione, l’ottava della rassegna del gusto, in corso fino a giovedì 14 marzo e che ha visto all’inaugurazione la presenza delle istituzioni (nazionali, regionali e comunali), dei vertici della Federazione Italiana Cuochi.

In questi giorni, proprio nel salone congressi della manifestazione, il sodalizio riunisce il proprio Consiglio nazionale, e di 3 chef stellati siciliani.

È cominciato anche il campionato della pizza (Expocook Pizza World Competition) e in veste di giudici dei 150 pizzaioli in gara – c’era, fra gli altri, proprio Errico Porzio, discendente di una antica e storica famiglia di pizzaioli napoletani.

Al forte legame con le sue origini, Porzio abbina lo studio e la ricerca, proponendo un modo innovativo di fare la pizza. Ciò che caratterizza le sue proposte è proprio la creatività. Una tendenza molto diffusa all’ombra del Vesuvio dove la pizza ha le sue radici.

Protagonista della seconda giornata di Expocook (martedì 12 marzo) è la pasticceria. Alle 15.50 sul palco centrale il cooking show di Iginio Massari, uno dei volti più popolari di Masterchef: tema L’armonia del gusto guida l’ispirazione creativa.

Ad aprire il pomeriggio, alle 15, Nicola e Mario Fiasconaro (La pasticceria made in Sicily in giro per il mondo), dell’azienda di famiglia di Castelbuono, il borgo rinomato per l’ospitalità e l’operosità diffuse.

In mattinata (ore 10.50) un’altra attrazione: il gelatiere Pino Scaringella, con Il gelato oggi secondo tradizione, qualità, costo e vendita.

Alle 12, al padiglione 16, Giuseppe Rallo e Salvo Maggio si sono esibiti nel tagliare un tonno rosso intero di quasi 100 chili pescato nel Mediterraneo con i famosi coltelli giapponesi oroshi hocho, che hanno lame che raggiungono una lunghezza di un metro e mezzo. (Redazione)

vedi

Food & Wine guidano la Sicilia