Edilizia a secco: Special Saie

ph Tierra Mallorca on Unsplash

Per le costruzioni il 2021 si è chiuso all’insegna della crescita. E, ora, si prepara alle tante sfide del futuro, come la riqualificazione energetica, legata sempre più all’integrazione edificio – impianto e la messa in sicurezza del patrimonio edilizio pubblico e privato.

L’analisi degli ultimi dodici mesi realizzata da Saie – Progettazione, edilizia, impianti, fiera organizzata da SenafMestiere Fiere, scatta la fotografia di una filiera in buona salute anche a livello regionale: il numero di imprese attive in Sicilia è cresciuto fino a toccare quota 44.765 a fine anno, in aumento sia sul 2020 (+4,2 per cento), sia rispetto all’ultimo anno pre-covid, il 2019 (+7,1 per cento) (Fonte dati: Movimprese, analisi statistica trimestrale condotta da InfoCamere, per conto dell’Unioncamere).

Un dato che posiziona la regione al secondo posto in Italia per tasso di crescita. Anche le previsioni per il 2022 sono molto incoraggianti: tra gennaio e marzo, infatti, l’occupazione dovrebbe variare di oltre 9.490 unità (senza contare le uscite) (Fonte dati: La domanda di lavoro delle imprese, indagine trimestrale condotta da Unioncamere).

Un ritmo più che soddisfacente ma che ha bisogno di essere sostenuto efficacemente: per questo, dal 19 al 22 ottobre 2022, a BolognaFiere ritornerà Saie che, dal 2018, propone un format innovativo e unico nel panorama nazionale, fatto di aree espositive dinamiche, dimostrazioni pratiche, momenti di approfondimento utili per i professionisti e tante occasioni di incontro per il mercato.

A livello locale, la provincia più ricca di imprese attive nel settore delle costruzioni è Catania (9.900), in crescita del + 4,6 per cento rispetto al 2020 e del +7 per cento sul 2019. Seguono poi Palermo, quella cresciuta di più nell’ultimo anno (8.564, +4,9 per cento sul 2020, +8 per cento sul 2019), Messina (7.047, +3,3% sul 2020, +6,3 per cento sul 2019), Trapani, che ha fatto registrare l’aumento maggiore rispetto al 2019(4.011, +4,6 per cento sul 2020, +8,6 per cento sul 2019), Siracusa (3.911, +4,2 per cento sul 2020, +6,2 per cento sul 2019), Ragusa (3.888, +3,2 per cento sul 2020, 7,2 per cento sul 2019), Agrigento la più dinamica tra tutte (3.654, +4 per cento sul 2020, +7,3 per cento sul 2019), Caltanissetta (2.356, +4,1 per cento sul 2020, +5,8 per cento sul 2019) e Enna (1.434, +3 per cento sul 2020, +5,2 per cento sul 2019).

In uno scenario dominato sempre più da una domanda green, gli incentivi messi in campo in questi anni produrranno un aumento della richiesta di figure esperte nello sviluppo di strategie ecosostenibili, nella progettazione green, nella limitazione dei consumi energetici e delle emissioni di Co2.

Un trend che, secondo i dati Infocamere, porterà ad una crescita media annua dell’occupazione nelle costruzioni del +1,4 per cento da qui al 2025 in tutta Italia. In altre parole, la richiesta di forza lavoro continuerà ad essere alta, ma cambieranno le figure ricercate.

La filiera delle costruzioni deve sposare i temi della digitalizzazione, della transizione ecologica e della sostenibilità. Saie Bologna 2022 sarà una conferma di questa accurata impostazione, che vede il cantiere al centro della sua strategia.

Del resto, L’ultimo appuntamento di Bari con Saie 2021 ha ottenuto il consenso dei 283 espositori presenti, delle oltre 40 associazioni che hanno sostenuto l’evento e dei 18.672 professionisti in visita.

Nel settore delle costruzioni c’è un’altra tendenza destinata a cambiare i paradigmi del comparto: l’industrializzazione del cantiere. Per questo al Saie di Bologna si troverà l’iniziativa speciale Edilizia a Secco nella quale l’accento verrà posto sui sistemi costruttivi che non necessitano di leganti idraulici, collanti/sigillanti.

Quest’anno Saie Bologna 2022 ripartirà dai pilastri del costruire – progettazione, edilizia e impianti – con un obiettivo preciso: contribuire a consolidare la ripresa già avviata dando voce e visibilità alle varie anime del settore.

Tutti i quattro saloni tematici sono stati pensati per dare spazio ad ogni aspetto legato al manufatto edilizio. Dal primo gennaio 2021, inoltre, costruire secondo i requisiti nZEB (nearly zero-energy buildings, ovvero edifici ad elevate prestazioni con un consumo energetico quasi nullo) è obbligatorio in Italia per tutti i nuovi edifici, sia pubblici che privati.

Questo sarà uno dei temi principali di alcune delle tante iniziative speciali come Saie Impianti, nata per rispondere alle più recenti necessità del mercato in tema di climatizzazione, idrosanitaria, elettrotecnica, building automation e illuminotecnica.

A questa si aggiunge la Piazza edifici e impianti salubri, al cui interno gli operatori potranno analizzare gli obblighi normativi e le soluzioni più efficaci per la tutela della salute e il miglioramento del comfort di chi vive e lavora all’interno degli spazi chiusi, garantendo un microclima ottimale, una buona qualità dell’aria e dell’acqua, un corretto ricambio dell’aria e la riduzione di umidità e Co2.

Fondamentali per integrare ulteriormente i concetti di efficienza e salubrità all’interno del costruito sono, poi, i serramenti. Nell’iniziativa speciale Saie Serramenti, le aziende che producono porte, finestre, infissi e soluzioni tecnologiche correlate troveranno lo spazio ideale dove poter esibire le loro soluzioni e conoscere le ultime evoluzioni del comparto.

Un’altra delle novità introdotte nell’edizione 2022 sarà Saie Alluminio in Edilizia by Metef, dedicata interamente alle applicazioni di questo materiale sostenibile, completamente riciclabile, che non grava sull’ambiente e contribuisce con le sue caratteristiche a rendere energeticamente efficienti gli edifici.

Oltre all’integrazione edificio-impianto, c’è un’altra tendenza destinata a cambiare i paradigmi del comparto: l’industrializzazione del cantiere. Per questo è stata ideata l’iniziativa speciale Edilizia a secco nella quale l’accento verrà posto sui sistemi costruttivi che non necessitano di leganti idraulici, collanti/sigillanti.

Dopo l’edizione del 2021, torna Saie InCalcestruzzo, l’evento nazionale dedicato all’innovazione della filiera del calcestruzzo nelle sue varie forme, preconfezionato e prefabbricato, per edifici e infrastrutture, per l’Ingegneria e per l’Architettura.

Infine, grazie all’accordo tra Conpaviper e Senaf, la terza edizione di Forum Massetti e Pavimenti, l’evento di riferimento per il settore delle pavimentazioni continue che si terrà in un’area dedicata di Saie che avrà al suo interno un’arena eventi, uno spazio dimostrativo per la formazione degli applicatori, lo stand associativo Conpaviper e l’area espositiva dedicata ai soci.

Informazioni relative a Saie Bologna 2022 (19 – 22 ottobre), possono essere richieste scrivendo a info@saiebologna.it.

(Redazione)

vedi

100mila occupati nell’edilizia

Superbonus fa volare il mattone

Saie Bologna (14-17 ottobre) ripensa la casa come luogo di lavoro