E’ ancòra emergenza

Leoluca Orlando

I prelievi effettuati alla diga Poma mostrano una consistente riduzione della torbidità. Per questo ragione, a breve riprenderà il trattamento di potabilizzazione dell’acqua di quell’invaso che sarà, poi, immessa nell’acquedotto che serve i comuni della fascia costiera e la zona nord della capitale della Sicilia. Prima però che l’ acqua arrivi in città deve avere riempito le condotte e i serbatoi che si trovano lungo il percorso, e non passeranno meno di 24 ore. Resta al momento impossibile il prelievo dell’acqua dalla diga Rosamarina, nel cui lago i fiumi hanno trasportato fino ad oggi ingenti quantitativi di fango, detriti e materiali inerti. Intanto oggi, a causa dell’ emergenza, le scuole di ogni ordine e grado sono chiuse.

scuola a Cruillas

Lo ha deciso il sindaco Leoluca Orlando dopo aver ricevuto la relazione dell’Amap.  Al momento l’acqua immessa in città proviene dal lago di Piana degli Albanesi, dalla sorgente di Scillato e da alcuni pozzi, per un totale di circa 1.500 litri al secondo. Meno della metà di quanto immesso normalmente. Oggi i tecnici del servizio dighe della Regione hanno effettuato operazioni di svasamento del fango dagli invasi Poma e Rosamarina. Sono quindi in corso le analisi per verificare possibilità di utilizzo dell’acqua degli stessi invasi già a partire da questa notte per l’avvio ai potabilizzatori. In ogni caso, la bassa pressione in città durerà, in base alle zone, non meno di altre 24/36 ore. (Redazione)

Lascia un commento