Da Fondazione Lega del Filo d’Oro spazio ai sogni

Quella tra Renzo Arbore e la Lega del Filo d’Oro è un’antica collaborazione

La Fondazione Lega del Filo d’Oro Ets – Ente Filantropico è da 60 anni al fianco di bambini e adulti sordociechi, che “non vedono e non sentono, ma di certo sognano”, come ricorda Neri Marcorè nello spot della campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi Spazio ai sogni, di cui è protagonista assieme a Renzo Arbore.

Sognano di fare grandi progressi, all’interno di una casa realizzata con ambienti fatti su misura per loro, dove possano essere seguiti da operatori capaci di leggere i loro bisogni ma anche le loro potenzialità e dove ci sia lo spazio per le loro famiglie, al fine di intraprendere un percorso che li accompagni per tutta la vita.

Questa casa esiste già: è il Centro Nazionale di Osimo, che poggia le sue fondamenta su un sogno iniziato nel 1964 e che nel marzo dello scorso anno è diventato realtà. Perché alla Lega del Filo d’Oro si lavora ogni giorno, da oltre mezzo secolo, per rendere possibili cose che sembrano irrealizzabili.

All’interno del Centro Nazionale opera il Centro Diagnostico della Fondazione, una struttura unica in Italia dove un’équipe interdisciplinare psicopedagogica e medica elabora per ogni utente un percorso educativo – riabilitativo personalizzato, mettendo a disposizione competenze specialistiche per l’indagine diagnostica, la valutazione e il trattamento precoce di bambini al di sotto dei 6 anni.

È il luogo in cui avviene il primo incontro tra la Fondazione e le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali: un incontro, raccontano le famiglie, che cambia loro la vita, perché dopo aver sentito tanti “no”, per la prima volta qui scoprono che oltre i limiti c’è un mondo di possibilità, anche per loro.

Attraverso la campagna #spazioaisogni, a cui tutti possono contribuire con una chiamata da rete fissa o un sms al numero solidale 45514, sarà possibile supportare le attività del Centro Diagnostico, che da settembre 2022 ha raddoppiato i posti disponibili permettendo, così, di accogliere non più quattro, ma ben otto persone contemporaneamente insieme alle loro famiglie, riducendo le liste d’attesa. Nel 2023 il Centro Diagnostico della Fondazione ha trattato 145 utenti, effettuando 55 interventi precoci.

Raddoppiando la presa in carico del Centro Diagnostico, oggi siamo in grado di ridurre le liste d’attesa e quindi di intervenire più precocemente sui bambini, riuscendo ad ottenere le migliori risposte ai trattamenti educativi e riabilitativi e contemporaneamente offrire alle persone adulte percorsi riabilitativi mirati alla loro complessa condizione di pluridisabilità. – dichiara Rossano Bartoli, presidente della Fondazione Lega del Filo d’Oro Ets –

Sostenere la campagna ‘Spazio ai sogni’ significa garantire un miglioramento sostanziale della qualità della vita a tanti bambini e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali e alle loro famiglie, rispondendo in modo concreto ai loro bisogni specifici.

Da ormai 60 anni, il nostro lavoro è orientato a valorizzare le potenzialità di ciascuna persona, andando oltre i limiti tracciati dalla disabilità, e per continuare a farlo abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti, perché anche un piccolo contributo può fare la differenza”.

Quando le famiglie varcano la porta del Centro Diagnostico di Osimo, conoscono a memoria tutte le competenze che mancano al proprio figlio, adulto o bambino che sia, senza ancora immaginare quanto insieme a lui si possa costruire alla Lega del Filo d’Oro, dove i “no” non esistono.

Come è successo a Gabriele, il protagonista dello spot della campagna #spazioaisogni, che è nato prematuro, di soli 676 grammi, e ha trascorso tutto il suo primo anno di vita in ospedale. Alla Lega del Filo d’Oro è arrivato nel maggio 2018, a un anno e mezzo, attaccato alla bombola dell’ossigeno: proprio a Osimo si è valutato di toglierla e Gabriele da allora respira autonomamente.

Un esempio potente di ciò che questi bambini possono raggiungere, quando c’è qualcuno che crede in loro e sogna insieme a loro. Perché i sogni sono sempre appesi a un filo, come dice nello spot Renzo Arbore, ma il “filo d’oro della solidarietà” è capace di dare loro vita.

Il primo passo del percorso educativo – riabilitativo che le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali intraprendono con la Lega del Filo d’Oro è rappresentato dalla valutazione psicodiagnostica, che avviene proprio presso il Centro Diagnostico.

Nel corso della valutazione, che si completa mediamente nell’arco di una settimana, l’équipe interdisciplinare – composta da psicologi, educatori, assistenti sociali, medici, tecnici specializzati nella riabilitazione e infermieri – effettua un’analisi globale delle abilità, potenzialità e caratteristiche della persona.

Questo consente di elaborare un programma riabilitativo individualizzato, che verrà successivamente attuato in altre strutture di riferimento del territorio di residenza dell’utente o all’interno dei Centri di Riabilitazione della Lega del Filo d’Oro.

Il coordinamento e l’integrazione tra gli interventi sanitari e psico – sociopedagogici consentono di sviluppare percorsi riabilitativi personalizzati rispetto all’età, al tipo di disabilità e alle esigenze specifiche dell’utente e della sua famiglia.

In risposta alle crescenti richieste da parte di famiglie con bambini nati con patologie gravi e plurime, ai servizi valutativi del Centro Diagnostico si è aggiunto negli anni l’intervento precoce, un percorso residenziale di breve durata finalizzato ad agire tempestivamente, nelle prime fasi di sviluppo del bambino, per ottenere le migliori risposte possibili ai trattamenti educativi e riabilitativi e valorizzarne le abilità residue.

Sognare insieme vuol dire sognare in grande e quindi poter realizzare i sogni di chi non vede e non sente: per questo sono nuovamente schierati accanto della Lega del Filo d’Oro i testimonial storici Renzo Arbore e Neri Marcorè, protagonisti dello spot della campagna “Spazio ai sogni”.

Assieme a loro, per supportare l’impegno della Fondazione, ci sono anche alcuni celebri nomi appartenenti al mondo della musica e dell’alta gastronomia che, attraverso note musicali e culinarie, sono capaci di far sognare: si tratta dei maestri d’orchestra Leonardo De Amicis, Fabio Frizzi, Pinuccio Pirazzoli e Beppe Vessicchio, affiancati dal cuoco Filippo La Mantia. Inoltre, vicini anche quest’anno alla Fondazione ci sono i portieri di Serie A e della Nazionale Gigio Donnarumma, Samir Handanovic, Alex Meret, Daniele Padelli e Ivan Provedel.

Sostenendo la campagna #spazioaisogni, a cui tutti possono contribuire con una chiamata da rete fissa o un sms al numero solidale 45514, sarà possibile supportare le attività del Centro Diagnostico, andando così a sostenere i costi del personale altamente specializzato impiegato nel servizio.

L’esperienza accumulata nel corso degli anni dalla Lega del Filo d’Oro nella comprensione e nella gestione delle esigenze di cura delle persone con pluri-disabilità ha evidenziato, infatti, l’importanza di dotarsi di personale molto qualificato e in continua formazione e, soprattutto, di un rapporto operatori/utenti numericamente superiore agli standard definiti dalla normativa vigente, ovvero oltre due operatori dedicati per ogni utente. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito.

L’iniziativa ha ricevuto il sostegno di Rai per la Sostenibilità Esg, Mediafriends e La7. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun Sms inviato da cellulari Windtre, Tim, Vodafone, Iliad, PosteMobile, Coop Voce, Tiscali. 

Sarà di 5 o 10 euro per le chiamate da rete fissa Tim, Vodafone, Windtre, Fastweb, Tiscali, Geny Communications e, sempre per la rete fissa, di 5 euro da TWT Group Unidata, Convergenze, PosteMobile.

Sui social network la campagna di raccolta fondi della Lega del Filo d’Oro verrà amplificata tramite la condivisione dell’hashtag #spazioaisogni. (Redazione)

vedi

+ Lega Filo d’Oro anche nel 2021 dice il bilancio sociale