Cultura d’impresa, valore sociale

La start-up Arca cerca di ovviare ai gap di competenze che si incontrano nei percorsi didattici canonici

La sostenibilità culturale come nuova ambiziosa risorsa da alimentare: è questo il progetto alla base di Arca, start-up che delinea la formazione dei professionisti del domani, per offrire alle imprese figure preparate ai massimi livelli e ovviare, così, ai gap di competenze che, spesso, si incontrano nei percorsi didattici canonici.

Le finalità di Arca, prossimamente Siavs (start-up innovativa a vocazione sociale) sono senza fini di lucro: questa società nasce con il preciso intento di colmare i gap formativi che le aziende incontrano quando cercano le professionalità con cui lavorare.

L’idea è di offrire dei corsi atti a ottimizzare le competenze attitudinali per aumentare il profilo dei talenti del territorio.

Sono numerose le attività formative, ad alto valore anche tecnologico, che costituiscono la visione di Arca Siavs, start-up decisamente originale nel suo unire il metodo delle radici salesiane, approccio derivante dagli oltre trent’anni di attività educativa di Suor Raffaella Soga del Ciofs/FP di Vittorio Veneto, alle competenze di alto livello dei suoi contatti stretti con alcuni illuminati imprenditori e professionisti del territorio.

Coinvolgendo, infatti, aziende quali ITLAS SRL, SIPA SPA, TEMA SRL, TEGOLA CANADESE SRL, SERENA WINES 1881 SRL, TOLFIN SRL, per citarne alcune, e il CIOFS-FP Nazionale di Roma, attraverso i loro rappresentanti Patrizio Dei Tos, Antonio Narder, Luciano Mazzer, Giorgio Serena, Paola Tolin, Carlos Veloso Dos Santos (a.d. Amorim Cork Italia), Suor Manuela Robazza, Suor Raffaella Soga ed i professionisti Aldo Specchia, Flavio Della Giustina, Stefano Sessolo, con il supporto del notaio Sabby De Carlo e del Prof. Paolo Cescon, insieme hanno ideato, creduto ed investito in un innovativo modello di studio del capitale umano, per affrontare le recenti evoluzioni del mercato Nazionale ed Internazionale. 

L’offerta prevede diversi percorsi formativi, tra corsi post-diploma, seminari e stage in azienda, con fini etici e sociali previsti fin dallo statuto.

La grande differenza rispetto all’esistente è sia nella particolare conformazione da cui ha avuto origine Arca sia nell’erogazione, orientata a tematiche che anticipano il più possibile il futuro delle evoluzioni nel campo dell’imprenditoria.

Scopo finale è sfruttare questa visione per soddisfare i bisogni di formazione richiesti dal mercato e dalle aziende stesse, interpretando un servizio di alto profilo e qualità.

Il primo importante corso, nella prossima stagione, sarà sulla trasformazione digitale e sarà pianificato su 420 ore con docenti di alto livello provenienti anche dall’ambito aziendale.

L’ambizione di Arca Siavs è una formazione integrale, che accolga e valorizzi le aspirazioni e le attitudini della persona.

La possibilità di partecipazione a questo modello di sviluppo, educazione e formazione viene estesa anche alle aziende o agli imprenditori che volessero entrare a far parte di Arca, ricordando che si tratta di una società senza scopo di lucro che scommette su giovani talentuosi e sulle nuove sfide della quarta rivoluzione industriale.

La quota di partecipazione parte da un simbolico un euro e come dice Suor Raffaella citando Don Bosco “Abbiate fiducia, vedrete cosa succede” (Redazione)

vedi

Nuovo ispettore dei Salesiani di Sicilia e Tunisia