Crédere nel Made in Italy

ph Samir Kharrat on Unsplash

Crédit Agricole Italia consolida e rafforza la partnership con Sace, al fine di incentivare e sostenere una crescita virtuosa dell’imprenditorialità italiana sui mercati internazionali, mettendo a disposizione dei propri clienti Garanzia Futuro, lo strumento digitale Sace dedicato all’ecosistema delle aziende Made in Italy, in particolare alle Pmi e alle filiere strategiche.

Alle aziende italiane viene data l’opportunità di accedere a finanziamenti a supporto sia degli investimenti – in Italia e all’estero – in innovazione tecnologica, digitalizzazione ed infrastrutture destinati a filiere strategiche ed aree economicamente svantaggiate, sia dei progetti di investimento per lo sviluppo dell’imprenditoria femminile. Un focus particolare è sulle iniziative collegate al Pnrr.

Garanzia Futuro, nell’ambito di un rafforzamento della partnership Crédit Agricole – Sace, finanzia le progettualità delle aziende italiane correlate ad operazioni strategiche per l’economia nazionale, sotto i profili dell’internazionalizzazione, della sicurezza economica e dell’attivazione di processi produttivo – occupazionali, con un ritorno al concetto di Sistema Paese

La Garanzia ha una percentuale di copertura pari al 70 per cento ed è abbinabile ai finanziamenti a medio / lungo termine erogati dal Gruppo Crédit Agricole alle eccellenze del territorio, incluse le Pmi, con un importo in linea capitale fino a 50 milioni di euro e una durata massima di 20 anni.

L’iniziativa consentirà di finanziarie le progettualità delle aziende italiane correlate ad operazioni strategiche per l’economia nazionale sotto i profili dell’internazionalizzazione, della sicurezza economica e dell’attivazione di processi produttivo – occupazionali, con un ritorno al concetto di Sistema Paese.

A tal proposito, verranno promossi progetti per la realizzazione di infrastrutture nell’ambito sociale, idrico – energetico e digitale, progetti per supportare sia gli investimenti in immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie all’estero sia gli investimenti a sostegno del circolante per l’approntamento di forniture estere, nonché progetti dedicati alla crescita dell’imprenditoria femminile o alla riduzione dei rischi sismico – idrogeologici. (Redazione)

vedi

Sace e CA Italia puntano sulle Pmi