Chiesta solidarietà per il Carnevale sociale

Il Carnevale Sociale è una festa molto partecipata

Allegro, colorato, goliardico. Il Carnevale è, senza dubbio, una tra le feste più amate da grandi e piccini. Una festa a tutto tondo, quella organizzata e promossa dall’associazione Handala insieme ad altre realtà palermitane che operano nel campo dei diritti sociali tra i quali Centro aggregativo Santa Chiara, Booq, Centro sociale Anomalia, Per Esempio, Comitato Vucciria, Addiopizzo, Partinico solidale, Centro San Giovanni Apostolo, Circ’opificio, Laboratorio Zen Insieme, Lievito Onlus, Bayty Batyk, SOS Ballarò, Lisca Bianca, Emmaus, Capo e Ballarò insieme, che, come ogni anno da undici anni, portano nei più piccoli quartieri e nelle periferie della città – dalla Vucciria alla Kalsa, dallo Zen al CEP, passando per Ballarò, Borgo Vecchio e Partinico – il “Carnevale sociale”: un tripudio di coriandoli dolciumi e musica, in programma dal 28 febbraio al 9 marzo, a tema Balle spaziali, che coinvolge residenti, scuole e associazioni attive nel territorio. Un momento di grande partecipazione e di comunità condivisa, che quest’anno rischia di saltare a causa della mancanza dei finanziamenti di cui ha usufruito negli anni scorsi per l’acquisto delle decorazioni, del noleggio dei service e dei mezzi per i sound-system per le sfilate. Anche il servizio pullman, fino allo scorso anno garantito dal Comune, che permette ai bambini di spostarsi tra i vari quartieri per le sfilate, quest’anno è a rischio. Una situazione difficile che, tuttavia, non scalfisce la grinta e la voglia di fare degli organizzatori che si appellano alla alla generosità dei palermitani chiedendo un piccolo grande gesto di solidarietà – ancora di più importante in questo momento storico di imbarbarimento umano e culturale – in grado di regalare un sorriso ai tanti bambini che possono essere, anche se solo per qualche ora, supereroi, creature magiche e tutto ciò che la fantasia suggerisce loro, chiamando la città a raccolta, sabato 23 febbraio, alle 20, a santa Chiara a Ballarò per una cena di presentazione e autofinanziamento delle nove sfilate del carnevale sociale 2019. Prima tappa giovedì 28 febbraio, alle 15, con la sfilata dalla Cattedrale ai Quattro Canti. Seguiranno in ordine le sfilate alla Kalsa, venerdì 1 marzo, Cep, Montepellegrino e Partinico, sabato 2 , Vucciria, Borgo vecchio e Ballarò, martedì 5 marzo e allo Zen sabato 9. (Carmela Corso)

Lascia un commento