Che affascinante itinerario!

Un magnifico itinerario che esalta la tradizione culturale e religiosa cittadina

(Gabriele Giovanni Vernengo) Un percorso tra simboli, riti, talismani e vicende di due popoli che hanno fatto la storia della Palermo dei rabbini e dei califfi, dei commercianti e dei principi. Un’ iniziativa, dedicata  all’antica Balarm, organizzata da Initinere nell’ambito della rassegna Sere d’Estate Ripercorrendo 2018, a cura di Serena Gebbia Event Planner e Giovanna Gebbia. L’appuntamento è fissato per giovedì 30 agosto alle 20 e 30 ai Quattro Canti.  

Una vera e propria riscoperta del mandamento arabo-ebraico. Si percorrerà un luogo chiuso tra due mondi, il rione giudaico e quello islamico. Due identità sovrapposte nella storia della città, custodi delle radici culturali e delle tradizioni. 

Il percorso attraverserà il quartiere dove, un tempo, vivevano gli abili artigiani tra i vicoli di San Cristoforo, le vie Calderai e Giardinaccio, dall’accesso dove era originariamente posta la porta di ferro, passando per il ponticello del Kemonia e giungendo fino al Mikveh di Palazzo Marchesi. 

Nello stesso luogo dove, molto probabilmente, si trovava la magnifica Sinagoga, oggi sede dell’Archivio Storico restaurato da Giuseppe Damiani Almeyda.

 I partecipanti ascolteranno le storie “gastronomiche”  legate a riti e ai precetti delle due religioni, nell’area del macello nei pressi del Teatro di Santa Cecilia.

Lo sfondo da immaginare è l’antica cittadella araba dove gli emiri musulmani vivevano chiusi nella fortificazione della “al halisah” (l’eletta) , ovvero la Kalsa, tra palazzi e giardini dei quali oggi rimangono soltanto tracce, attorno alle quali si sono sviluppate leggende sospese tra il culto e la suggestione.

Alla fine dell’evento, i partecipanti si fermeranno nei pressi del porto della Cala per degustare la tipica vastedda con la milza di origine ebraica o le panelle, antichissima pietanza che rimanda agli arabi, dominatori della Sicilia a cavallo tra il IX e l’XI secolo, già esperti gastronomi, in grado di ricavare con la macina dei ceci la farina per un impasto cotto su pietra. 

Il costo del biglietto per partecipare all’evento è di 10 euro per gli adulti e di 5 euro per i bambini fino a 10 anni. 

Per informazioni, è possibile contattare il numero 393.6655232 oppure inviare una mail a initinere@libero.it o gebbiaserena@gmail.com

Lascia un commento