Cercare la città (e se stessi)

copertina dello Zibaldone palermitano 2019

Dopo il successo dello Zibaldone palermitano 2018 Sebastiano Catalano e Gioacchino Edoardo Lazzara si sono impegnati per far giungere puntualmente in edicola e in libreria l’ edizione 2019 rinnovata nei contenuti, nella grafica e nelle immagini, con il Genio alla Fieravecchia che campeggia sulla copertina. Un omaggio a Palermo sincero e autentico (che non è cosa scontata) con documenti d’ epoca, fotografie rare e di straordinaria bellezza che corroborano il racconto storico seguendo “le incancellabili orme – spiega nella prefazione Lino Buscemi, avvocato, pubblicista e cultore della storia della città – dell’ indimenticato professor Rosario La Duca che rimane, a buon titolo, il pioniere dello studio profondo e della molto apprezzata divulgazione di quel grande scrigno di bellezza e di arte che è stata ed è la città di Palermo”.

Spazio Cultura

Gli artefici della edizione 2019 dello Zibaldone, che sarà presentato lunedi alle 17 e 30 nello Spazio Cultura, la libreria di via Marchese di Villabianca di Nicola Macaione, non si stancano di cercare Palermo. E, ogni volta, riappaiono episodi di cronaca, proverbi, personaggi, storie dimenticate che riaprono discussioni, costringono a retrospezioni e riletture. Cercare Palermo è una operazione complessa perchè il viaggio nella capitale della Sicilia non è una osservazione di luoghi, ma il suo attraversamento interno. Proprio come la visita di città mai viste, fatta dell’ osservazione di piazze, musei e centri storici, il turismo, insomma, ha come sofisticato e aristocratico contraltare il viaggio dentro se stessi, alla ricerca delle radici e delle pulsioni ancestrali. (Sergio Scialabba)

Lascia un commento