Centralità della meccatronica nell’industria milanese

ph Sufyan on Unsplash

La meccatronica rappresenta un comparto altamente rilevante dell’industria milanese: con 8,7 mila unità locali e oltre 92,2 mila addetti, il settore incide sul totale manifatturiero provinciale rispettivamente per il 39,1 per cento e 44,2 per cento.

Nel dettaglio dei comparti che formano questo macrosettore, la metallurgia e la meccanica occupano il 36,5 per cento e il 33,4 per cento degli addetti, le apparecchiature elettriche e l’elettronica il 14,2 per cento e il 10,4 per cento, e l’automotive il 5,6 per cento.

Sono i dati emersi dal tavolo di lavoro dell’Osservatorio paritetico composto da Assolombarda e dalle Organizzazioni Sindacali territoriali.

Notevole è anche il valore delle esportazioni, che nel 2022 ha quasi raggiunto i 20,9 miliardi di euro, pari al 39,0 per cento dell’export manifatturiero del capoluogo lombardo.

Nel quadro più recente del 2023, dopo una decisa crescita nel primo trimestre (+ 15,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), le vendite sui mercati esteri del comparto meccatronico milanese hanno risentito del generale raffreddamento della domanda, pur mantenendosi su tassi di crescita ampiamente positivi, del + 3,0 per cento nel secondo trimestre e del + 4,1 per cento nel terzo.

Queste dinamiche si distaccano dall’andamento dell’export meccatronico lombardo, che aveva registrato dei cali già dalla primavera. Nel complesso dei primi 9 mesi dello scorso anno, il valore delle esportazioni della meccatronica milanese ammonta a 16,4 miliardi di euro segnando, così, un incremento del + 7,2 per cento rispetto allo stesso periodo del 2022, ben più del + 1,9 per cento regionale.

L’espansione è stata trainata dalle apparecchiature elettriche e dalla meccanica, cresciute rispettivamente del + 13,5 per cento e + 8,8 per cento, con contributo positivo anche di automotive (+ 8,4 per cento) e metallurgia (+ 4,4 per cento); le vendite internazionali dell’elettronica sono invece diminuite del – 1,0 per cento.

Sul fronte dei fabbisogni professionali, dall’analisi di oltre 15 mila annunci di lavoro pubblicati negli ultimi 12 mesi emerge che le figure più ricercate dalle imprese meccatroniche milanesi sono gli operai specializzati, in particolare gli installatori – riparatori e i tecnici, soprattutto i disegnatori industriali. (Redazione)

vedi

Export sistema moda del Sud tocca 63 milioni di euro