Carceri in fiamme, monta la protesta

il carcere di Pagliarelli

Dilaga la protesta nelle carceri italiane. A Modena la situazione peggiore dove ci sono stati dei morti, ma l’emergenza nell’emergenza riguarda il sistema italiano nel suo complesso, da Milano a Enna. L’epidemia da coronavirus è solo il detonatore di una situazione che era già esplosiva, e conferma come il virus colpisce le persone più deboli e fragili dal punto di vista sanitario, ma anche quelle più esposte da quello sociale o morale.

Sono le rigorose misure adottate da governo per contenere la diffusione del Covid-19 dietro le sbarre a scatenare questo inferno. Nel pomeriggio del 9 marzo i parenti dei detenuti di Pagliarelli hanno protestato in viale Regione Siciliana, di fronte al cordone della polizia, con slogan e striscioni. La situazione è, ormai, incandescente e, proprio a Pagliarelli, è stato annunciato uno sciopero della fame.

Proteste dello stesso tenore anche nel carcere dell’Ucciardone, persino un tentativo di evasione bloccato. La richiesta è sintetizzabile in una parola: “libertà”. Ma, in alternativa, viene chiesto un provvedimento che renda meno pesante la condizione negli istituti penitenziari, già provati da sovraffollamento e disagi di ogni genere. Problemi tante volte indicati dal garante dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale. (Redazione)

 

vedi

Espode l’urlo dei detenuti

Un bambino non ha colpa che il papà sia in carcere

Il problema delle carceri in primo piano

La Corte Costituzionale entra nelle carceri

 

 

Lascia un commento