Canti ortodossi in un gioiello serpottiano

un particolare dell’Oratorio di San Mercurio

(Redazione) Domenica 19 maggio –  alle ore 18 e 30 – è in programma – nell’Oratorio di San Mercurio – uno spettacolo del Coro Svete tikhij (Свѣте тихій), diretto da Irina Nedoshivkina Nicotra he si esibirà nei Canti liturgici ortodossi delle tradizioni slava, greca e georgiana. L’introduzione sarà a cura della etnomusicologa Maria Giuliana Rizzuto.

Il coro Svete Tikhij nasce nel 2014 per gli uffici liturgici della Chiesa di Sant’Alessandro di Comana del Patriarcato di Mosca a Palermo, interamente cantati e destinati alla comunità ortodossa della capitale.

A partire dal 2015, il coro è andato oltre la propria vocazione iniziale ed ha intrapreso – con l’acquisizione di nuovi membri, sia russi sia italiani – uniti dall’interesse per il canto liturgico delle Chiese d’Oriente, un’attività concertistica volta a far conoscere repertori liturgici e paraliturgici di tradizione ortodossa, poco conosciuti in Occidente.

Una delle modalità con cui il coro si esibisce è quella dei concerti narrati, svolti in collaborazione con Maria Giuliana Rizzuto.

Il repertorio del coro comprende canti liturgici di epoche, generi, stili, lingue e provenienza geografica diversi, dal canto slavo antico a compositori dell’Ottocento e del Novecento (tra cui Glinka, Balakirev, Čajkovskij, Bortnjans’kyj, Česnokov, Rachmaninov, Allemanov, Hristov, Kedrov, Yaitchkov e Sviridov).

vicolo di San Giovanni degli Eremiti – ingresso libero fino ad esaurimento posti