CA & Confagricoltura calano 4 assi

Vittorio Ratto (Crédit Agricole) e, a destra, Annamaria Barrile (Confagricoltura)

Crédit Agricole Italia e Confagricoltura rafforzano e innovano il loro accordo per sostenere la crescita e lo sviluppo delle aziende del settore agricolo. In data odierna le 2 realtà hanno, infatti, sottoscritto a Milano un aggiornamento del piano programmatico per il biennio 2024-2025, che riguarderà, in particolare, la transizione energetica, l’innovazione digitale ed il supporto al passaggio generazionale per i giovani agricoltori.

Le 2 realtà proseguono, inoltre, nella loro formula di collaborazione comune, che prevede 4 diversi assi di intervento su cui lavorare in maniera congiunta: sviluppo finanziamenti a supporto dell’Agricoltura e per le Emergenze Sanitarie; Digitalizzazione Servizi e Supporto ai Giovani Agricoltori; Transizione Energetica e Pnrr; Pegno Rotativo su prodotti Dop e Igp.

Con l’intento di confermare questa partnership, Banca e Confederazione hanno, oggi, rafforzato il loro storico legame in termini di comunicazione ed eventi congiunti (fiere, incontri sul territorio) continuando, altresì, a garantire un supporto a favore dei soci e delle strutture territoriali di Confagricoltura.

Insieme a Confagricoltura oggi proseguiamo un percorso comune, che nasce anzitutto dall’ascolto delle esigenze del tessuto economico-produttivo e dall’attenzione per i territori. – ha commentato Vittorio Ratto, Vice Direttore Generale Retail e Digital di Crédit Agricole in Italia – Come Crédit Agricole Italia intendiamo continuare ad accompagnare l’agricoltura italiana ed europea attraverso una serie di iniziative e prodotti di credito dedicati a tutte le filiere. In particolare ci impegniamo concretamente nel sostegno di progetti orientati all’innovazione ed alla transizione energetica”.

Oggi rinnoviamo l’accordo con Crédit Agricole nel segno del perseguimento comune della crescita e dello sviluppo delle nostre aziende. – ha dichiarato Annamaria Barrile, direttore generale di Confagricoltura – Un piano programmatico per il biennio 2024/2025 teso al rafforzamento dell’impegno nella transizione energetica, nell’innovazione e nel favorire la presenza di giovani agricoltori nel settore primario.

Confagricoltura, pur mantenendo un forte radicamento nella tradizione, ha sempre guardato alla ricerca, all’innovazione, al digitale, consapevole che, diversamente, il futuro sarebbe pregiudicato. Insieme faremo un pezzo di strada importante in questa direzione”.

Una collaborazione che unisce il radicamento sui territori della rete di Crédit Agricole Italia con i
servizi di Confagricoltura, per supportare gli associati, così come a tutti coloro che appartengono al mondo agricolo, garantendo soluzioni specifiche e dedicate per i loro progetti.

In continuità, dunque, con i comuni intenti che caratterizzano questa partnership, Crédit Agricole Italia e Confagricoltura, con questa iniziativa, si muovono per rimettere al centro dell’economia italiana l’agricoltura nella sua dimensione di tutela e sostegno della biodiversità, come approccio univoco alla transizione energetica ed ecologica. (Redazione)

vedi

Crédit Agricole & Confagricoltura