Beer Bubbles ha fatto il pienone

successo oltre le aspettative

È calato ufficialmente il sipario sull’edizione 2018 del Beer Bubbles, il festival ideato e coordinato da Maurilio Cassata e Alessia Billitteri, dedicato alla birra artigianale; appuntamento fisso per gli appassionati e gli esperti del settore, che ha animato dal 7 al 9 giugno ha animato la via Maqueda tra degustazioni, concerti e spettacoli. Una manifestazione dai grandi numeri, giunta quest’anno alla sua terza edizione.

In tantissimi, tra palermitani e turisti, si sono riversati lungo la via Maqueda, dai Quattro Canti fino in via Torino, per gustare le tante varietà di birra proposte, oltre centocinquanta, da venti aziende, da quelle locali alle maggiori Brewing Company, nazionali e internazionali: dalla classica bionda alla rossa corposa, passando per la liquirizia e i mirtilli, ce ne sono state per tutti i gusti. A tenere banco “Ballarak”, birrificio locale nato nel 2016 nel quartiere Ballarò, e aziende come le nostrane “Epica” e “Irias”, delle zone di Sinatra e Sant’Agata di Militello, “Malarazza” e “Alveria” di Canicattí accostate a veri colossi come la scozzese “Brew Dog”. Lungo il percorso, anche una decina di stand di gastronomia e del più classico street food palermitano.

via Maqueda

Una vera e propria festa, a cui hanno preso parte anche artigiani e artisti; un’ importante vetrina di promozione e valorizzazione non solo per le realtà coinvolte ma per la città tutta nell’anno in cui svolge un ruolo da protagonista in qualità di “Capitale Italiana della cultura”.

Tra gli ospiti d’eccezione anche il primo cittadino, Leoluca Orlando, che si è complimentato con organizzatori e produttori per il lavoro svolto nel processo di valorizzazione dell’interculturalità e sponsorizzazione del progetto di estensione delle isole pedonali a tutto il centro storico. (Carmela Corso)

Lascia un commento