Apertura della Borsa nel segno del coronavirus

ph Stefano Bazzoli on Unsplash

Il coronavirus ha non solo raggiunto Milano ma anche contagiato la Borsa che all’apertura va subito giù: raffica di sospensioni per eccesso di ribasso sul listino principale di Piazza Affari. Il Ftse Mib, che ha segnato una prima variazione pari al 3,45 per cento, cede ora il 3,47 per cento con Amplifon e Juventus che segnano cali del 10 e 9,9 per cento, Azimut dell’8,7 per cento e Pirelli del 7,6 per cento. Sono finite in asta di volatilità Ferragamo (-7 per cento), Fineco (-6,9 per cento) e Saipem (-6,7 per cento).Unicredit scivola del 4 per cento, Banca Intesa del 4,6 per cento. Avvio di seduta in forte calo anche per le Borse europee. Londra ribasso del 2 per cento, Parigi arretra del 2,55 per cento mentre Francoforte perde il 2,56 per cento. Lo riferisce l’Ansa. (Redazione)

 

vedi pure

Il coronavirus atterra l’indice Zew

 

 

 

Lascia un commento