Ancòra una volta rinviate le elezioni provinciali

Palazzo dei Normanni

L’Assemblea Regionale Siciliana ha rinviato le elezioni nelle Province (non si tengono da sette anni ed erano previste il 28 e 29 marzo). È stato il voto segreto a Sala d’Ercole a impedire il voto per rimettere in funzione questi enti trasformati, a suo tempo, in liberi consorzi e città metropolitane. Da sani che erano, oggi versano in profonda crisi finanziaria. Ciò che fa dire all’ex presidente della Regione Totò Cuffaro: “Sine quoque si abuserà della pazienza dei siciliani. Si è per l’ennesima volta rinviata l’elezione degli organi delle Province. Se non si vogliono le Province si cancellino ma la si smetta con questa pantomima“. Cuffaro  ritiene che sia meglio rifarle e dare rappresentanza democratica al territorio. (Redazione)

 

vedi

L’Ars approva il rinvio delle elezioni nelle ex Province

Ex province regionali al voto nel 2020

Protesta per le ex province

Primum vivere, poi votare

 

 

 

Lascia un commento