Anche la UilPa con i Vigili del Fuoco

I Vigili del Fuoco hanno protestato

Anche la UilPa davanti alla Prefettura insieme con i Vigili del Fuoco.

I Vigili del Fuoco – ha dichiarato – sono una delle punte di diamante del nostro Paese: l’immensa stima che istituzioni e gente comune nutrono nei riguardi di questo straordinario corpo deve tradursi in un supplemento di attenzione da parte della politica, chiamata a riconoscere, seppure tardivamente, tutele per gli infortuni e le malattie professionali da parte dell’Inail e a garantire più risorse per il rinnovo del contratto”: con queste parole Alfonso Farruggia, segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia, commenta l’iniziativa di protesta delle sigle Fp Cgil, Fns Cisl e UilPa tenutasi dinanzi la Prefettura, alla quale l’esponente sindacale ha partecipato in segno di piena solidarietà alla categoria.

“Basta con gli slogan edificanti – sottolinea – è ora di dare al Corpo ciò che merita: i Vigili del Fuoco svolgono un lavoro usurante, che deve essere rivalutato sia in chiave retributiva che sotto il profilo della previdenza”.

Chiediamo il riordino delle carriere e il potenziamento degli organici – aggiunge Giuseppe Avola della Uilpa VVFe la piena equiparazione ad altri corpi dello Stato del comparto sicurezza”.

La protesta odierna, in corso in tutto il Paese, precede i quattro giorni di sciopero nazionale che i Vigili del Fuoco di Fp Cgil, Fns Cisl e UilPa hanno proclamato per i prossimi 21 novembre, 2 dicembre, 12 dicembre e 21 dicembre. (Redazione)

 

vedi anche i seguenti articoli correlati:

 

Uilpa annuncia lo stato di agitazione

Uilpa con i lavoratori della Croce Rossa

Topi in tribunale a Termini, Uilpa:”Chiudetelo”

La Uilpa chiede un porto sicuro

“Direzione distante dai lavoratori”

Anche il sindacato indica la “vera” crisi della giustizia

A Roma i sindacati chiederanno il rinnovo dei contratti, assunzioni e risorse

Ustica: chiesta continuità del presidio dei Vigili del Fuoco

Assumere per ricostruire capitale sociale

Preannunciato lo stato di agitazione

 

 

 

 

 

Lascia un commento