Al via la stagione estiva del Teatro Biondo diretto da Pamela Villoresi

Pamela Villoresi, direttore del Teatro Biondo

(Carmela Corso) Al via la stagione estiva del Teatro Biondo, da quest’anno sotto la direzione di Pamela Villoresi.

Vocazioni è il titolo e filo conduttore di un cartellone variegato che spazia dal teatro, alla musica, alla danza e che lascia il palco di via Roma per abbracciare una cornice bucolica, più intima e raccolta, e invadere, in punta di piedi, gli spazi cittadini armato della sua potenza creativa.

In collaborazione con l’Università, la Regione Siciliana e il Comune, dal 19 al 28 luglio, dieci appuntamenti dislocati tra il Castello di Maredolce, l’Orto Botanico e il Chiostro di Sant’Antonio.

Si aprono le danze, venerdì 19 luglio proprio al Chiostro di Corso Tukory, di recente restauro e inaugurato per l’occasione, con In mio onore di Elisa Parrinello: opera metaforica con gli artisti della scelta per ricordare l’anniversario della strage di via D’Amelio, che attraverso il connubio tra teatro, musica e danza, lancia un importante messaggio di impegno, civiltà e coraggio”; un omaggio alla figura del giudice Borsellino e degli agenti della scorta da parte di Stefania Blandeburgo, degli artisti delle compagnia S’Kalsa, Folleria e degli allievi dei laboratori teatrali Ditirammu Lab.

Sabato 20, sarà la volta, sempre al Chiostro di Sant’Antonio, di Extra Moenia, saggio  degli allievi della Scuola dei mestieri dello spettacolo del Teatro Biondo diretta da Emma Dante, realizzato in collaborazione di Sandro Maria Campagna e Carmine Maringola; uno spaccato di quotidianità che parla di relazioni, lavoro, sogni e fallimenti dei giovani di oggi.

Domenica 21 luglio sarà il Castello di Maredolce a trasformarsi in teatro per una notte con Icaro di Stefano Pirandello, proposto nell’adattamento di Sarah Zappulla Muscarà. Un volo immaginifico, fatto di parole e note, che assume contorni epici, portato in scena da Mario Incudine, regista, interprete e autore delle musiche, Antonio Vasta, Manfredi Tumminello, Antonio Putzu e, Giorgio Rizzo.

Lunedì 22, immerso nel verde dell’Orto Botanico, un dialogo a due voci tra il teologo Paolo Gamberini e il filosofo Vito Mancuso sul tema delle “Vocazioni”. Conduce la serata la giornalista Fernanda Di Monte

Il 23 luglio, a Maredolce, l’incontro tra San Francesco e  il sultano d’Egitto e Siria, Malik al Kamil, portato in scena da Giampiero Pizzol e Otello Cenci con Francesco e il Sultano interpretato da Mirna Kassis, Valeria Khadija Collina e Fabio Mina.

Si prosegue mercoledì 24 al Chiostro di Sant’Antonino con Bach Duet, una suggestiva performance di danza, con Noemi Biancotti, Jari Boldrini, Maurizio Giunti e Linda Pierucci – realizzata sulle suites per violoncello solo di Bach eseguite dal vivo da Lavinia Scarpelli. L’indomani sarà Pamela Volloresi, accompagnata dal pianista Danilo Rea, l’interprete di Terra di Valeria Moretti, una lettura insieme antropologica ed esoterica intorno alla figura della Terra Madre

Battute finali all’insegna della multiculturalità. Venerdì 26 al Castello di Maredolce, con l’ensemble di Pejman Tadayon, Musica sacra sulla via della seta sui ritmi persiani e sufi: un vero e proprio viaggio musicale tra popoli 3 culture altre; sabato 27 e domenica 28 al Chiostro di Sant’Antonino, con Mediterranean Blues – ensemble di musicisti africani e italiani sulle tracce di atmosfere e sonorità tradizionali del Mali – e Puro desiderio tour, lo spettacolo con Teresa De Sio  che vede la cantautrice presentare il suo ultimo album, sul palco insieme a Francesco Santalucia (pianoforte e percussioni), Pasquale Angelini (batteria), Vittorio Longobardi (basso e contrabbasso), Antonio Ragosta (chitarre), Marco Bartok Bartoccioni (steel guitar e pedal steel), Giovanni Astorino (violoncello).

I biglietti dei singoli spettacoli hanno un costo che varia da €10 ad €25 e sono acquistabili al Botteghino del Teatro Biondo (via Roma 258) da lunedì a venerdì ore 9/13, negli spazi del Festival prima degli spettacoli e online attraverso il sito del Teatro Biondo.

 

 

Lascia un commento