Al via convegno sul grano duro in Sicilia alla Regione

Il Palazzo della Regione Siciliana a Catania

Oggi prende il via il convegno Il grano duro in Sicilia tra storia, mercato e cambiamento climatico con inizio alle ore 10 nella Sala Conferenze del Palazzo della Regione Siciliana, in via Beato Bernardo 5.

L’evento – organizzato da Compag, Federazione nazionale delle rivendite agrarie la quale rappresenta gli stoccatori di cereali e proteaginose e i rivenditori di mezzi tecnici – è in collaborazione con il Consorzio Crisma (che associa 4 molini, 2 pastifici e 13 centri di stoccaggio), a sua volta il principale attore del Distretto cerealicolo siciliano e che rappresenta il maggior produttore di grano duro nell’isola.

L’evento, patrocinato dell’Assessorato Regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea della Regione Siciliana, il cui vertice è coperto attualmente ad interim dal presidente della Regione, è sponsorizzato da Basf, Newpharm e Mulmix.

Si parlerà della difficile situazione del grano duro siciliano causata dalla forte siccità che ha colpito, in particolare, l’area orientale della regione e che rischia di far perdere buona parte del raccolto, con ripercussioni dirette per gli agricoltori ma, anche, per le altre fasi della filiera: per le rivendite che hanno anticipato i mezzi tecnici, per gli stoccatori che non hanno prodotto e, anche, per l’industria di trasformazione regionale.

Oltre alla grave situazione metereologica, i mercati e le prospettive per la campagna 2024/2025 non sembrano essere positivi per il settore.

L’evento vuole dare spazio ad autorevoli esperti interessati ad illustrare la situazione e le prospettive del grano duro, con un rimando alla storia e alla tradizione di questa importantissima coltura e le possibili azioni da intraprendere, anche in materia di innovazioni, per sostenere la filiera siciliana. (Redazione)

vedi

Compag difende le produzioni nazionali (e plaude al governo)