Al Barbera le molte luci dei rosa

Lo stadio con poco pubblico per il match tra Palermo e Ascoli

Una vittoria con poche ombre e molte luci quella maturata, ieri sera, al Barbera. Il Palermo si riprende la vetta della serie B trafiggendo con un 3-0 l’ Ascoli, squadra comunque molto solida e che avrebbe meritato di più.

Confermando le ipotesi della vigilia, Stellone opta per un 4-3-2-1 molto offensivo, con Trajkovski e Falletti a supporto di Moreo unica punta. La partenza dei rosanero è bruciante con il portiere marchigiano messo più volte in difficoltà. Dopo una decina di minuti il Palermo rallenta il ritmo permettendo all’Ascoli di farsi vedere davanti. Ed è proprio nel momento migliore dei bianconeri che arriva la prima rete dei rosanero: una clamorosissima papera del portiere ascolano Perucchini, che al 26° con il pallone tra i piedi entra in confusione sul pressing di Moreo e perde il controllo della sfera mettendolo nella propria porta. Ma è molto bravo l’Ascoli nel non disunirsi e nel riprendere subito a testa bassa, favorito da un Palermo attento a controllare le sfuriate degli avversari.
Il secondo tempo prosegue sulla falsariga del primo, con gli ospiti a cercare di perforare la difesa e i rosanero pronti a ripartire in contropiede. La sostituzione di Haas con Murawski porta alla svolta della partita. Il Palermo incomincia a giocare più sciolto proprio mentre l’Ascoli subisce un leggero ma continuo calo fisico. E la squadra rosanero non perdona: al 73° Trajkovski tira in porta, sulla respinta di Perucchini è abile e bravo il ritrovato Chochev a mettere in rete il 2-0. All’86° infine Szyminski è lesto a mettere in rete il 3-0, complice una dormita collettiva della difesa dei marchigiani.
Tra i rosanero sono da segnalare le ottime prestazioni di Moreo (a cui manca solo una maggiore precisione al tiro), Trajkovski e Aleesami. Quest’ultimo ha giocato una delle migliori partite della stagione ma ha dovuto abbandonare il campo a causa di un infortunio le cui cause verranno accertate nelle prossime ore. E’ invece apparso appannato Haas, che forse risente del massiccio impiego richiestogli da Stellone.
Una vittoria importantissima per i rosanero: 12 partite senza sconfitte, 34 punti in classifica, primo posto solitario e un ritorno alla vittoria tra le mura amiche dopo un mese e mezzo di astinenza.
Adesso il Palermo chiuderà il 2018 a Padova contro il Cittadella che, nonostante il 4-0 subito ieri contro il Verona, si trova nella zona playoff e potrebbe dare molto filo da torcere ai rosanero. (Alessandro Ferrante)

Lascia un commento