Accedere agli atti del Comune? Si, ma se c’è un motivo

Si può chiedere l'accesso agli atti del Comune di Palermo solo se il motivo è fondato
il polo tecnico del Comune di Palermo

Il principio di trasparenza ha rivoluzionato non solo le nostre vite, ma anche il rapporto tra cittadino e pubblica amministrazione. Il Comune resta quella più prossima al cittadino e anche il Comune di Palermo è ispirato alla trasparenza e tenuto ad osservarne la disciplina.  Tutti i soggetti, a cominciare dalle imprese ma anche associazioni o semplici cittadini possono esercitare questo diritto, che ora è esteso anche “alle amministrazioni, associazioni e comitati portatori di interessi pubblici o diffusi’’.

Gli atti possono essere guardati, salvo che nei casi in cui i documenti siano coperti da segreto di Stato ed in tutti gli altri casi in cui vi sia segreto o divieto di divulgazione (secondo il nostro ordinamento),  si possono presentaredocumenti e memorie scritte che dovranno obbligatoriamente venire valutate dall’amministrazione.

In entrambi i casi l’amministrazione provvederà a fornire l’indicazion del posto dove trovare la pubblicazione delle notizie richieste; esibire i documenti richiesti,  rilasciare copia integrale o estratti significativi. E’ possibile che l’amministrazione preveda altre modalità di accesso. E’, inoltre, fondamentale che la richiesta di accesso debba essere sempre motivata.

Sul sito del Comune di Palermo c’è una pagina espressamente dedicata, con indicazione del responsabile del procedimento Marrone. Sono anche indicate modalità per accedere agli atti, tra le quali la posta elettronica certificata.

Va ricordato che in tema di trasparenza tutti i soggetti cittadini, associazioni o imprese devono dimostrare di avere un ’’interesse giuridicamente rilevante” nei confronti dell’atto oggetto del diritto di accesso. (Redazione)

 

vedi anche

Il Comune aggiorna i sistemi informatici

 

 

 

Lascia un commento