A Villabate il sindaco incontra i vertici dell’Avis

ph Luann Hunt on Unsplash

Dopo la diffida a sgombrare l’area di via Rita Levi da Montalcini (secondo il Comune occupata abusivamente) notificata dal Comune di Villabate all’Avis locale lo scorso 20 maggio, il sindaco Vincenzo Oliveri incontra i vertici dell’Avis, anche se la soluzione alla vicenda sembra lontana.
“Il sindaco, che ringraziamo per la disponibilità ad incontrarci, ci ha dato la sua parola che, fino a quando il terreno non sarà affidato ad altre Associazioni o Privati, l’Avis potrà continuare a svolgere la sua attività nella sede di via Rita Levi Montalcini” ha riferito il presidente Claudio Fiscelli.
“Prendiamo atto della scelta politica di destinare l’area ad altro uso. Siamo fiduciosi – continua Fiscelli – che dopo gli sforzi profusi nella bonifica, della piantumazione degli alberi e della costruzione del manufatto in legno, una casetta prefabbricata di circa 50 mq costruita con donazioni di privati cittadini che hanno creduto nell’utilità del nostro servizio, che l’amministrazione comunale destinerà l’area per scopi più utili per la cittadinanza”.
La risoluzione definitiva della vicenda, non sembra però in dirittura di arrivo.
 “AVIS Villabate – incalza Fiscelli –  svolge il proprio servizio da 30 anni nel territorio comunale di Villabate. Molto spesso nel silenzio. A volte con iniziative ludiche o con momenti di aggregazione.
L’Avis ha lo scopo di promuovere la donazione di sangue – intero o di una sua frazione – volontaria, periodica, associata, gratuita, anonima e consapevole, intesa come valore umanitario universale ed espressione di solidarietà e di civismo, che configura il donatore quale promotore di un primario servizio socio-sanitario ed operatore della salute, anche al fine di diffondere nella comunità locale i valori della solidarietà, della partecipazione sociale e civile e della tutela del diritto alla salute.
“Auspichiamo  – conclude Fiscelli – che il sindaco e la giuunta che presiede abbiano la sensibilità di riconoscere l’utilità di una sede stabile che ci accompagni nel raggiungimento degli scopi dell’associazione.” (Gabriele Giovanni Vernengo)

 

vedi anche Villabate, il Comune sfratta l’Avis

 

Lascia un commento