Ritorna la visita al Castello di Carini

(Redazione) A grandissima richiesta, si terrà oggi 7 luglio alle ore 20.30 Il mistero della Baronessa di Carini, visita serale al castello e al borgo di Carini. L’appuntamento è in Corso Umberto I. OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE AI NUMERI  3270256906  e 3483648486

il Castello di Carini

L’ iniziativa è organizzata dalla Cooperativa culturale Dedalus: i labirinti dell’arte e da BCsicilia, per la salvaguardia e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali. È obbligatoria la prenotazione.  La visita al Castello ed al borgo di Carini sarà orientata dalla lettura del celebre poemetto diffuso un tempo dai cantastorie e che narra dell’ amore proibito di Laura Lanza,  culminato tragicamente nel suo assassinio nel dicembre 1563. Tra leggenda e realtà si ripercorreranno i passi della baronessa uccisa tra le mura del maniero medievale dove si consumó il delitto. Il castello di Carini fu costruito a partire dal 1075 venne ingrandito nel corso dei secoli successivi per volere della famiglia La Grua Talamanca, registrando nel ‘400 l’interventi di Matteo Carnilivari. Particolarmente interessanti sono la grande sala dei baroni al piano nobile, caratterizzata da un pregevole soffitto ligneo del ‘400 e gli altri ambienti, decorati nel ‘700, la cappella e le torri a dominio sulla piana di Carini. Sarà visitabile anche la famosa “stanza dell’omicidio” dove la baronessa, colpita a morte dal padre, lasciò impressa sul muro l’impronta insanguinata della sua mano. Il percorso si concluderà con una passeggiata tra le vie del borgo, arricchitosi nel corso dei secoli di palazzi, chiese e conventi dovuti primariamente alla committenza dei La Grua Talamanca. Da tempo si discute intorno alla creazione di un circuito dei castelli siciliani: da quello di Carini a quelli di Caccamo, Mussomeli e Pantelleria.

Lascia un commento