2 imprese vincono la Mela d’Oro

Marisa Bellisario

Si è chiusa la VI edizione di Women Value Company Intesa Sanpaolo, categoria speciale del Premio Marisa Bellisario ispirato alla memoria della prima donna top manager del nostro Paese. Il riconoscimento, rappresentato dalla prestigiosa Mela d’Oro, è stato istituito dalla Fondazione Marisa Bellisario in collaborazione con Intesa Sanpaolo con l’obiettivo di coinvolgere le imprese in un percorso di empowerment femminile e dare visibilità alle pratiche più virtuose e innovative.

Due le imprese vincitrici, che si sono distinte per le proprie politiche di sviluppo innovative e inclusive,
per la capacità di valorizzare il talento femminile e il merito e per lo sviluppo di soluzioni efficaci di
welfare aziendale: Multi (categoria Piccole Imprese), dal 1994 società di consulenza marketing, export e
comunicazione con sede a Bergamo e uffici a Milano e Monaco di Baviera; e Masseria San Domenico
(categoria Medie Imprese), hotel 5 stelle che dal 1996 accoglie i suoi ospiti a Fasano, in provincia di Brindisi, in una splendida masseria del XIV secolo.

La speciale Mela d’Oro Women Value Company Intesa Sanpaolo è stata consegnata a Giovanna Ricuperati, Presidente e Amministratore Delegato di Multi e anche prima donna presidente di Confindustria Bergamo, e a Marisa Lisi Melpignano, titolare della Masseria San Domenico, da Anna Roscio, Responsabile Sales & Marketing Imprese Intesa Sanpaolo, durante la cerimonia di premiazione del Premio Marisa Bellisario che si è svolta a Roma il 10 giugno e che sarà trasmessa su Raiuno il prossimo 18 giugno.

Novità del 2022 le due menzioni speciali, in coerenza con le missioni del Pnrr, assegnate dalla banca in accordo con la Fondazione Marisa Bellisario: la Menzione speciale Innovazione è andata a Rold, gruppo nato nel 1963 a Nerviano, nel Milanese, leader nella produzione di componenti innovativi, soluzioni e piattaforme per apparecchi domestici, professionali e industriali, rappresentata dalla Presidente e Ceo Laura Rocchitelli.

La Menzione speciale Nuova Imprenditoria Femminile per le imprese di nuova costituzione a guida o prevalenza femminile è stata poi attribuita a Nanomnia, rappresentata dal Ceo Marta Bonaconsa, startup biotech nata nel 2017 a Campagnola di Zevio, in provincia di Verona, che offre servizi di nano, micro e macro incapsulamento completamente organico, biodegradabile e microplastic-free ad aziende nei settori agrochimico, cosmetico, nutraceutico, farmaceutico, e dei materiali intelligenti. (Redazione)

vedi

Reynaldi scelta da Intesa Sanpaolo